Roma. Adozione incrociata a coppia omossessuale


mercoledì 9 marzo 2016
​Dopo il caso di fine febbraio, un'altra sentenza del Tribunale di Roma decreta l'adozione di tre bambine a una coppia formata da due donne.
Adozione incrociata a coppia omossessuale
​Una nuova sentenza del Tribunale per i minorenni di Roma riconosce l'adozione di tre bambine a una coppia formate da due donne. La notizia arriva da Rete Lenford e Famiglie Arcobaleno. Alle due donne,rappresentate dall'avvocato Susanna Lollini, è stata riconosciuta l'adozione incrociata dei tre figli.Il Tribunale argomenta la decisione scrivendo che già la normativa attuale «deve poter essere interpretata alla luce dei principi costituzionali e convenzionali che costituiscono il fondamento per il riconoscimento di nuove forme di genitorialità. È di tutta evidenza che i rapporti esistenti tra le ricorrenti ed i rispettivi figli sono quelli concretamente e quotidianamente tipici di una sana relazione madre-figlì». L'adozione in casi speciali, prevista dalla legge 184 del 1983, prevede che i figli adottati non diventino fratelli. Un punto che il Tribunale ha criticato.  STEPCHILD PER SENTENZA (OLTRE LA LEGGE): È GIA' CAPITATO IL 29 FEBBRAIO
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: