Contro l'utero in affitto. Oscurato di nuovo il profilo Facebook di Marina Terragni


A.Ma. giovedì 23 marzo 2017
72 ore di stop alla pagina Fb della giornalista e scrittrice, blogger femminista impegnata nella battaglia contro l'utero in affitto.
Marina Terragni

Marina Terragni

Nuovamente bloccata la pagina Facebook di Marina Terragni, giornalista e scrittrice, blogger femminista impegnata nella battaglia contro l'utero in affitto. Nel giugno 2016 un suo post fu segnalato come «omofobo», cancellato e il profilo bloccato per 24 ore, seguito però dalle scuse del social network.

Questa volta il black out si preanuncia più lungo, 72 ore. Il post segnalato non è recente; raccontava che ci sono lesbiche che preferiscono essere chiamate con un sostantivo assai più volgare. Parola che deve aver fatto scattare la segnalazione di un utente e il conseguente oscuramento da parte di Facebook.

Ora Marina Terragni denuncia pubblicamente la vicenda sul suo blog (che rimane attivo), ipotizzando un «dossieraggio» nei suoi confronti, visto che il post è stato pubblicato parecchio tempo fa. «Il blocco in queste ore è particolarmente grave perché mi impedirà di offrire un report del convegno di Se Non Ora Quando-Libere sull’utero in affitto, previsto per oggi pomeriggio alla Camera, e dell’incontro sul mio libro Temporary Mother-Utero in affitto e mercato dei figli, in programma per venerdì pomeriggio a Siracusa», scrive Terragni.

La blogger, esponente di punta del movimento che in Italia conduce una battaglia contro la maternità surrogata (è fondatrice di Rua, Rete contro l'utero in affitto), la settimana scorsa ha organizzato un incontro alla Casa dei diritti di Milano su questo tema.

Di polemiche se ne è tirate addosso parecchie, anche dal mondo omosessuale maschile, che invece per ovvi motivi è a favore della gestazione per altri. È stato anche creato un profilo Facebook falso (Marina Tertagni, ora non più attivo) che dileggiava le sue posizioni.

Ma le polemiche sono una cosa, la censura è un'altra: «Zittire è sempre e solo un sopruso, degradante per chi lo mette in atto. Altra cosa è un confronto aperto sugli argomenti, a cui sono sempre stata e continuo a essere disponibile», scrive.


© Riproduzione riservata

Utero in affitto

Francesco D’Agostino
Non pochi, anche se non tutti, tra gli avversari dell’omogenitorialità (soprattutto quella maschile, che per realizzarsi deve di necessità ricorrere alla maternità surrogata) ...
Carlo Cardia
Accade a volte che si parli in modo separato, come fossero eventi autonomi, della maternità surrogata e del diritto dei bambini di avere una mamma e un papà