Charlie tra le braccia del Padre. La sua vita continua


Marco Tarquinio sabato 29 luglio 2017

Il cammino e la lotta terrena di Charlie Gard sono finiti, la sua vita continua. Charlie è stato ucciso da un male inesorabile, e né la scienza né la legge hanno saputo e potuto e forse voluto aiutarlo. Eppure, ora, quella piccola e infinita vita di bimbo è tra le braccia del Padre che ci ama con «intramontabile amore» di Madre. Ce l’ha insegnato Giovanni Paolo I, con un sorriso e una saggezza grandi. La mamma e il papà del piccolo che tutto il mondo ha imparato a sentire figlio ce lo testimoniano con dignità e sofferenza, sulla via di una fedeltà senza accanimento. Tutti noi, che ci diciamo cristiani e civili, non dovremmo dimenticarcene mai, neppure nel dolore e nello smarrimento.

© Riproduzione riservata

Opinioni

Giorgio Ferrari
Ci sono davvero pochi dubbi: i milioni di tedeschi che si recheranno oggi alle urne per eleggere i 598 membri del Bundestag daranno alla cristiano democratica Angela Merkel
Ferdinando Camon
Uno sconosciuto suona in pubblico una musica che gli passa per la testa, e tanti sconosciuti si bloccano ad ascoltarlo, sorpresi, attirati, curiosi
Marco Olivetti
Il fosco scenario del braccio di ferro Madrid-Barcellona Molti sono i nodi di teoria dello Stato e della Costituzione messi in evidenza dal tentativo del Govern regionale catalano di tenere