mercoledì 1 marzo 2017
Il presidente della Cei intervistato al Tg1 dopo la sentenza di Trento sulla doppia paternità di una coppia gay: un desiderio non deve diventare necessariamente un diritto
Una famiglia (Siciliani)

Una famiglia (Siciliani)

“Qualunque desiderio, pur legittimo che ognuno può avere, non deve mai diventare necessariamente un diritto”. Lo ha detto il cardinale Angelo Bagnasco, arcivescovo di Genova e presidente della Cei, riferendosi alla decisione della Corte d’Appello di Trento che per la prima volta ha riconosciuto in Italia a due uomini la possibilità di essere considerati padri di due bambini nati all’estero grazie a maternità surrogata.

Il cardinale, intervistato dal Tg1 nell'edizione delle 13.30, ha ricordato, come riporta l'agenzia Sir, che “il bene dei bambini richiede, secondo il buon senso universale, il papà e la mamma, quindi una famiglia, dove il papà e la mamma si integrano con armonia ed efficacia per il bene e per l’amore dei propri bambini”.

© Riproduzione riservata