Unioni civili. Unioni civili, arriva la firma di Mattarella


Gianni Santamaria sabato 21 maggio 2016
Il capo dello Stato Sergio Mattarella ha firmato ieri la legge sulle unioni civili. E ha ricevuto il ringraziamento di Monica Cirinnà, senatrice del Pd e autrice del provvedimento, «per la sollecitudine con la quale ha voluto adempiere a questo atto, rispondendo così anche alle sollecitazioni della Corte europea e alle osservazioni della Corte costituzionale per dare prontamente anche al nostro Paese una legislazione non discriminatoria nei confronti delle coppie dello stesso sesso». Subito i contrari alla norma hanno confermato di voler procedere col referendum per la sua parziale abrogazione. «Preso atto della decisione di Mattarella - annuncia Eugenia Roccella, parlamentare di 'Idea' e presidente del comitato promotore - appena la legge sarà pubblicata ci recheremo in Cassazione a depositare i quesiti referendari per la parziale abrogazione». Le fa eco il collega Carlo Giovanardi: «Con il conforto di e- minenti giuristi rimaniamo convinti delle macroscopiche violazioni di principi costituzionalmente garantiti nell’iter parlamentare della legge sulle unioni civili e di una evidente parificazione del nuovo istituto, riservato alle coppie omosessuali, al matrimonio fra uomo e donna dell’art. 29 della Costituzione». I parlamentari di Ap Maurizio Sacconi e Alessandro Pagano si dicono delusi per la firma, «ma non sorprende, anche se solidi sarebbero stati gli elementi di diritto per un rinvio alle Camere». In particolare i due centristi rilevano come sia «evidente la sovrapposizione tra le unioni civili e i matrimoni che la Costituzione riserva alle sole famiglie naturali».  Intanto monsignor Nunzio Galantino, segretario della Conferenza episcopale, ribadisce che sul tema delle unioni civili non ci sono - al contrario di quanto scritto da organi di stampa - divisioni fra i vescovi. E contesta le interpretazioni delle parole del Papa all’assemblea della Cei. «Basta vedere i titoli usciti il giorno dopo il discorso del Papa: non ce n’è stato uno azzeccato. Il Papa è stato straordinariamente delicato, attento ai vescovi, ai sacerdoti: soltanto chi ha voluto in maniera ideologica e pregiudiziale dire certe cose, le ha dette. Ma le avrebbe dette anche senza che il Papa avesse parlato».
© Riproduzione riservata

Famiglia e Vita

Marco Tarquinio
Un grande movimento di donne (e non solo) sta realizzando un forte pressing sull’Onu per mettere al bando la «gestazione per altri», più popolarmente chiamata «utero in affitto»