lunedì 30 ottobre 2017
Tempo di restyling per il Suv della SsangYong disponibile anche a 7 posti. E, in assoluta controtendenza, esclusivamente con un motore 2.2 diesel
Solidità da... museo: Rexton riparte dal Mudec

Il Mudec di Milano, museo dedicato alla valorizzazione e alla ricerca interdisciplinare sulle culture del mondo, nei prossimi mesi “viaggerà” a bordo del SUV più fortunato e famoso di SsangYong: il Rexton. In occasione del lancio del restyling 2018 infatti, SsangYong Italia ha firmato un accordo di collaborazione con il famoso Museo di via Tortona, al quale metterà a disposizione una piccola flotta di vetture. Nel tempio della cultura e della storia, quindi, inizia il viaggio del modello più “storico” della casa coreana, una delle tante importate in Italia dal Gruppo Koelliker (13 in tutto con Rover, Bentley, Jaguar, MG, Hyundai, Seat, Mitsubishi, Kia le più famose) che, dal 1954, ha venduto complessivamente 1,8 milioni di vetture.

In oltre quindici anni di vita Rexton (la prima generazione fu lanciata nel 2001) ha dimostrato di essere un SUV compatto, robusto, sicuro e affidabile, e non è un caso che il 72% del veduto in Italia sia ancora circolante. Proprio per l’importanza della vettura (per la maggior parte degli automobilisti SsangYong significa Rexton) i tecnici della casa coreana non potevano permettersi il lusso di sbagliare l’aggiornamento stilistico e di contenuti del nuovo modello. Obiettivo raggiunto ripensando completamente il prodotto, mantenendone al contempo le qualità e i punti di forza che ne hanno determinato il successo nei mercati, anche quello Italiano. Un compito non facile, visto che si trattava di coniugare le reali capacità di Rexton, da sempre apprezzato per le sue doti “fuoristradistiche” unite alla qualità di progettazione e di costruzione, mutuate dalla scuola tedesca (la collaborazione con Mercedes-Benz parte da molto lontano), alle esigenze di un mercato nuovo, dove il fatto di poter “vestire” la vettura sta dominando le scelte della clientela.

Com'è. Rexton si presenta, quindi, con una serie di caratteristiche che lo qualificano dal punto di vista del calibro innovativo, sia agli occhi dei clienti sia di fronte alla concorrenza. Il tradizionale telaio, con le sue riconosciute caratteristiche di rigidità torsionale utilissime nel favorire solidità e silenziosità in marcia, è stato completamente rivoluzionato nella scelta dei materiali, ora facenti largo uso di acciai alto resistenti a deformabilità modulare, un vantaggio per la sicurezza degli occupanti. La trazione inseribile, da sempre patrimonio tecnologico della casa dei due dragoni, è ora accoppiabile ad un riaggiornato cambio automatico a sette rapporti, di Mercedes-Benz, mantenendo la possibilità di inserire le riduzioni di marcia, utili sui terreni più impegnativi.

La sicurezza. All’esterno i designer di SsangYong hanno tracciato linee ispirate sia all’estetica sia alla funzionalità, dal frontale possente, alla linea di cintura dinamica sino ai “baffi” anteriori e posteriori ideati per ridurre le turbolenze in marcia. L’interno poi, disponibile anche con 7 posti, si contraddistingue soprattutto dall’utilizzo di materiali di buona qualità, da 4 ambienti cromatici e, come spiegato dal direttore marketing Maurizio Melzi, «dalla cura ossessiva dei dettagli». Anche dal punto di vista della sicurezza, il nuovo Rexton non si fa mancare nulla: «Nove airbag, ESP, protezione pedoni, assistente di sorpasso, scocca rinforzata, assistente di cambio corsia, luci di svolta e frenata automatica insieme allo smart safety driving system qualificano il nuovo Rexton come un prodotto decisamente sicuro», afferma ancora Melzi. Dopotutto l’investimento fatto per ottenere un SUV competitivo è notevole. «SsangYong – spiega il nuovo direttore generale Mario Verna – ha investito 400 milioni di euro per il progetto Rexton».

I prezzi. In Italia il nuovo Rexton verrà lanciato nelle concessionarie in questo fine settimana. La gamma sarà composta dai tre allestimenti Road, Dream e Icon, e un unico motore diesel 2.2 litri; il prezzo più basso del listino è di 35.400 euro, quello più alto è di 46.900 euro per la versione Icon 4 WD inseribile e cambio automatico (vernice metallizzata: 800 euro; i 7 posti: 1.300 euro). In SssangYong Italia sono così convinti delle qualità del nuovo Rexton che hanno volutamente deciso di non fissare un prezzo scontato di lancio. Presunzione o consapevolezza?

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: