venerdì 16 febbraio 2018
Per i neo papà sei settimane pagate al 100%. Per potersi prendere cura di un familiare quattro settimane l'anno a stipendio pieno
Microsoft estende i congedi
COMMENTA E CONDIVIDI

Pino Mercuri, direttore delle Risorse Umane di Microsoft Italia, è entusiasta. A supporto della conciliazione vita-lavoro dei propri dipendenti ( circa 850, per il 35% donne), infatti, l'azienda ha introdotto un’estensione del congedo familiare e parentale. «Si tratta di un tema di grande attualità - spiega Mercuri -. La legge di Bilancio 2017 consente le nuove misure e Microsoft si è distinta per l’attenzione verso i suoi collaboratori, offrendo tutele ben superiori a quelle previste dalla normativa. Forse è l'unico esempio in Italia».

Per quanto riguarda il congedo parentale, Microsoft offre ai neo papà la possibilità di vedersi riconosciute le prime sei settimane di congedo pagate al 100% (rispetto a una retribuzione pari al 30% del proprio stipendio prevista per legge) per poter affiancare le proprie compagne in questa importante fase della vita. Questa opzione è estesa anche ai genitori adottivi. Per quanto riguarda il congedo familiare, invece, è possibile di beneficiare di quattro settimane l’anno pagate al 100% per potersi prendere cura di un familiare in difficoltà che si trova in una condizione di salute grave e che necessita di assistenza.

«Questa iniziativa - chiarisce il direttore delle Risorse Umane - è il risultato di un lungo percorso che l’azienda ha intrapreso a livello globale e in Italia per sviluppare un nuovo modello di lavoro in grado di coniugare produttività, flessibilità e innovazione, con l’obiettivo di garantire un maggiore equilibrio tra vita professionale e personale. Sono tante le domande e le curiosità. Finora c'è stata una richiesta di congedo familiare da parte di un dipendente. Questa attenzione verso i nostri collaboratori rafforza le relazioni e migliora il clima lavorativo».

Negli ultimi dieci anni, Microsoft Italia ha infatti fatto tanti passi in avanti che hanno portato l’azienda a essere riconosciuta come un modello per altre organizzazioni su questo fronte: l’implementazione del lavoro agile, l’introduzione di spazi di lavoro flessibili con l’inaugurazione della Microsoft House, per esempio, sono tutte iniziative che hanno contribuito concretamente a migliorare la vita professionale e privata di tutti i i collaboratori, offrendo loro la possibilità di organizzare al meglio la propria giornata lavorativa, rispettando gli impegni personali. Microsoft è riuscita in questo grazie a un sistema che consente di fissare in modo chiaro gli obiettivi da raggiungere, di conoscere il percorso da svolgere per valorizzare al massimo il proprio impegno, stabilendo così un rapporto di fiducia e confronto tra manager e collaboratore. Il tutto reso possibile dal contributo fondamentale di strumenti e di risorse tecnologiche all’avanguardia.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: