Iniziativa. Così si formano le nuove professionalità digitali


mercoledì 13 settembre 2017
Lunedì 18 settembre prende il via a Roma - negli spazi di Luiss Enlabs - la prima edizione dell'Academy con 21 aspiranti sviluppatori informatici
Così si formano le nuove professionalità digitali

Si stima che entro il 2020 ci saranno 750mila posizioni aperte nel settore It da parte delle aziende italiane, ma esistono candidati formati sui nuovi mestieri e pronti per essere assunti? Groupama Assicurazioni si è interrogata su questo tema, confrontandosi con altre aziende, Università e istituzioni. Da questo confronto, è nato un progetto ambizioso: l’apertura a Roma di una Academy rivolta a giovani talenti laureati e non, selezionati attraverso un assessment, per formarli su nuove professionalità digitali per cui esiste molta domanda da parte delle aziende, ma non sempre un'offerta rispondente, per lo meno in tempi rapidi. Il progetto annovera partner di prestigio pubblici e privati, oltre a Groupama, ossia la Fondazione Maxxi, Luiss Enlabs, che attraverso l’Hub di innovazione Codemotion cresciuto all’interno del loro percorso di accelerazione fornirà la didattica, Octo Telematics e Softlab, a cui si aggiunge Ecoles numeriques francese Simplon, che conta 35 Coding Factories.

La presentazione è avvenuta in un evento al Museo Maxxi di Roma, con un benvenuto da parte di Charles de Tinguy, amministratore delegato di Groupama Assicurazioni, e del presidente della Fondazione Maxxi Giovanna Melandri, che ha sottolineato come «Born2code e il Maxxi debbano essere interpretate come piattaforme aperte sul futuro».

A seguire il sottosegretario alla Semplificazione e Pubblica amministrazione, Angelo Rughetti, ha aggiunto: «L’Academy è un’iniziativa sfidante che coniuga innovazione, formazione e lavoro. Investire in innovazione significa investire nel sistema Paese, perché contribuisce a migliorare i servizi, a far crescere le aziende, aumentare i livelli di retribuzione e tiene alta l’attenzione su temi caldi come welfare e sanità».

Sarà proprio la tecnica di stesura di un programma, ovvero il coding, l’oggetto della prima edizione dell’Academy, che prenderà il via il prossimo 18 settembre a Roma, con una classe composta da 21 studenti, aspiranti sviluppatori informatici, selezionati tra oltre 150 candidati provenienti per l’85% dal Centro Sud, che saranno impegnati in 11 moduli formativi, con lezioni frontali, laboratori, seminari tematici e 'case' pratici, ai quali potranno lavorare H24 all’interno degli spazi di Luiss Enlabs, dove è ospitata l’Academy.

Un format unico che consentirà anche di prendere parte a un Hackathon organizzato e ospitato dal Maxxi, Museo nazionale delle arti del XXI secolo, una vera e propria maratona di programmazione ininterrotta di 36 ore, in cui potranno mettere in pratica le nozioni acquisite e confrontarsi con esperti del settore.

Le conclusioni sono state affidate a Yuri Narozniak, direttore generale di Groupama Assicurazioni, che ha spiegato così l’iniziativa: «C’è necessità di collaborazione tra pubblico e privato, tra istituzioni e imprese. Solo così si riusciranno a recuperare gli investimenti necessari per garantire adeguati e innovativi programmi di apprendimento, che tengano il passo con il cambiamento che sta attraversando il mondo del lavoro, in una parola: co-creation. Offrire soluzioni formative integrate può costituire una risposta concreta sul tema della occupazione giovanile, per l’Italia e per Roma in particolare dove abbiamo l’intenzione di radicare il nostro progetto con nuove edizioni e altri nuovi partner».


© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: