giovedì 10 gennaio 2019
Intesa con il Dipartimento di Giustizia sulla sanzione per i veicoli diesel “irregolari” venduti negli Usa dal 2014 al 2016. Seguiranno altri patteggiamenti per almeno 355 milioni
Caso emissioni: per Fca accordo da 305 milioni di dollari

Fiat-Chrysler pagherà una sanzione civile da 305 milioni di dollari nell'ambito dell'accordo con il Dipartimento di Giustizia per le emissioni diesel. È quanto si legge nell'intesa depositata dalle autorità americane. Fca - si legge nel decreto consensuale - ha raggiunto un accordo anche con le autorità
della California. Il Gruppo italo-americano era stato accusato di aver installato su alcune delle sue auto dispositivi per aggirare gli standard. Fca ha più volte negato le accuse mosse nei suoi confronti ma aveva accantonato in bilancio più di 700 milioni di euro per coprire i costi potenziali della vicenda.

A breve potrebbero essere annunciati anche gli accordi nei confronti dei proprietari delle auto interessate e con alcuni degli stati americani. Secondo indiscrezioni, Fca si troverà a pagare altri milioni di dollari per risolvere queste accuse. Si tratterebbe infatti di almeno 75 milioni di dollari agli stati americani che stanno indagando sulle emissioni diesel, mentre altri 280 milioni dovrebbe andare per patteggiare con i proprietari delle auto nel mirino delle indagini delle autorità americane. Si tratta di 104.000 auto: i modelli interessati sono Jeep Grand Cherokee e Ram 1500 prodotti dal 2014 al 2016 con motori diesel a tre litri e venduti in Usa.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: