Immobiliare. Sempre più diffusa l'assicurazione per gli inquilini morosi


Redazione Economia lunedì 27 febbraio 2017
Diverse soluzioni permettono di essere garantiti contro i mancati pagamenti. Le polizze costano tra l'1,4 e il 2,5% del canone annuo.
"Euros and House"; Images Money via Flickr https://flic.kr/p/9VDuLj

"Euros and House"; Images Money via Flickr https://flic.kr/p/9VDuLj

In Italia si diffondono le assicurazioni contro gli inquilini morosi. Secondo le rilevazioni dei portali di comparazione assicurativa assicurazione.it e facile.it sono sempre più diffuse le polizze per l'affitto assicurato. In sostanza, si stipula una polizza con una compagnia assicurativa specializzata per cui, a fronte di un premio, il proprietario dell'appartamento si mette al sicuro contro eventuali morosità.

Si tratta di formule che prevedono un premio variabile tra l'1,4% e il 2,5% del canone annuo e, a seconda delle clausole, possono prevedere il rimborso fino a 12 mensilità in caso di inadempienze dei pagamenti, danni o spese condominiali non versate, fino alle spese legali sostenute per lo sfratto. Ipotizzando quindi un canone di 500 euro al mese, si pagherà una quota tra gli 84 e 150 euro all'anno.

Le aziende che hanno condotto l'indagine sottolineano che «in generale un mercato solido, in crescita e senza trappole burocratiche è comunque sempre preferibile e, dove le leggi rendono il tema complesso, ricorrere alle assicurazioni private potrebbe dare un aiuto consistente. Il problema delle case vuote non è marginale, anzi è molto sentito non solo in Italia ma in tutta Europa dove mediamente una casa su sei è disabitata».

Gli ultimi dati del ministero dell'interno dicono che nel 2015 le procedure di sfratto in Italia sono state 64.676, in calo del 16,6% rispetto al 2014. Ci sono stati forti cali degli sfratti in Piemonte (-49,4%), Puglia (-32,5%) e Friuli Venezia Giulia (-25,2%), mentre si sono visti forti aumenti in Abruzzo (+32,8%) e Basilicata (+20,6%).

© Riproduzione riservata