lunedì 2 gennaio 2017
Individuate quattro figure professionali. Elemento indispensabile e comune il possesso delle competenze fondamentali per l'esercizio della professione
Così si diventa formatore manageriale

Apaform, Associazione professionale Asfor dei formatori di management, intende promuovere la figura del formatore manageriale italiano qualificato sia attivo come professionista indipendente, sia che operi all'interno di scuole, di centri di formazione e in ambito corporate, in allineamento ai criteri indicati da European qualifications framework - Eqf.

«La qualificazione del formatore manageriale attraverso Apaform, Associazione indipendente iscritta nell'elenco del ministero dello Sviluppo economico delle Associazioni professionali non ordinistiche
che rilasciano l'attestato di qualità dei servizi - ricorda il presidente Elio Borgonovi - configura per un professionista formatore manageriale un prezioso riconoscimento di competenze e abilità, oltre a rappresentare una garanzia nel mercato globale nei confronti di istituzioni pubbliche, committenti e partecipanti a programmi formativi specie in ambito master, executive e realizzati in area corporate».

E Borgonovi osserva: "Le candidature che la segreteria dell'Associazione ha già ricevuto per il 2017 rappresentano un segnale del valore attribuito al processo di qualificazione elaborato dall'Associazione, per contribuire alla costruzione di un sistema capace anche di fare rete e di condividere le positività dei diversi
soggetti coinvolti in modo da assicurare futuro al Paese. La formazione di alto livello è necessaria, perché le nuove strade della competitività vanno dove c'è un sistema in grado di mettere insieme alta formazione, imprese e Università». Il processo di qualificazione messo a punto dall'Associazione è stato progettato beneficiando della considerevole esperienza che Asfor ha sviluppato attraverso il processo di accreditamento Master.

Le quattro figure professionali di formatore manageriale, individuate da Apaform, coprono i diversi processi della filiera della formazione manageriale. Elemento indispensabile e comune per tutte le figure professionali di formatore manageriale da qualificare il possesso delle competenze fondamentali per l'esercizio della professione.

La messa a punto di un rigoroso sistema di qualificazione ha impegnato l'Associazione dalla fondazione e ora l'attività tende all'allargamento della base associativa e al consolidamento nel mercato ormai globale di una professione, quella dei formatori di management, che è in grado di dare un sostanziale contributo alla
preparazione della classe dirigente privata e pubblica del futuro. Soltanto formatori di elevate competenze e capacità possono diffondere la cultura della innovazione richiesta da un mondo sempre più globalizzato e competitivo.

«Apaform - chiarisce Mauro Meda, segretario dell'Associazione - si candida a collaborare con le istituzioni affinché nel decreto legge su Lavoro autonomo e agile, attualmente all'esame della Camera dei deputati, venga riconosciuto alla formazione manageriale un ruolo strategico, in quanto capace di generare competenze e di rispondere con efficacia alle crescenti richieste d'innovazione del mondo economico e produttivo italiano".

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: