venerdì 14 luglio 2017
Monsignor Angelo Spina è il nuovo arcivescovo di Ancona-Osimo. Subentra al cardinale Edoardo Menichelli che lascia per limiti di età. Spina lascia la guida pastorale di Sulmona-Valva
Ancona. Menichelli lascia. Gli subentra Spina

Cambio alla guida pastorale di Ancona-Osimo. Monsignor Angelo Spina subentra al cardinale Edoardo Menichelli, una della personalità più note della Chiesa italiana.


Molisano, da dieci anni pastore di Sulmona-Valva

L'arcivescovo eletto di Ancona-Osimo

L'arcivescovo eletto di Ancona-Osimo

Monsignor Angelo Spina è nato il 13 novembre 1954 a Colle d’Anchise in provincia di Campobasso. Nel 1968 l’ingresso nel Seminario Minore del capoluogo molisano e nel 1974 nel Seminario Maggiore di Benevento per il triennio teologico, conseguendo nel 1977 il baccalaureato maxima cum laude. È stato ordinato sacerdote da monsignor Pietro Santoro il 5 gennaio 1980. Specializzatosi in teologia morale presso la Facoltà teologica dell’Italia Meridionale a Posillipo, nel dicembre1999 diviene parroco della Concattedrale di Bojano, di cui, tra gli altri impegni, promuove interventi di ristrutturazione e la realizzazione del ciclo pittorico. Nel 2005 la nomina a vicario episcopale per il santuario dell’Addolorata di Castelpetroso e il 3 aprile 2007 l’elezione a vescovo di Sulmona-Valva. Riceve la consacrazione episcopale il successivo 9 giugno per imposizione delle mani di monsignor Armando Dini, arcivescovo di Campobasso-Bojano prendendo possesso della diocesi il 23 giugno. Tra gli impegni che ne caratterizzano da sempre il servizio ministeriale, l’attenzione alla scuola e alla formazione dei giovani. Attualmente è il delegato regionale del laicato e della cultura e comunicazioni sociali.

Menichelli, Papa Francesco l'ha voluto cardinale

Il cardinale Edoardo Menichelli

Il cardinale Edoardo Menichelli


Come detto ad Ancona-Osimo, monsignor Spina subentra al cardinale Edoardo Menichelli, pastore amato e personalità di spicco dell’episcopato italiano. Menichelli è nato a Serripola di San Severino Marche (Macerata) il 14 ottobre 1939, ricevendo l’ordinazione sacerdotale il 3 luglio 1965. Già segretario particolare del cardinale Achille Silvestrini allorta prefetto della Congregazione delle Chiese orientali, è stato nominato arcivescovo di Chieti-Vasto il 10 Giugno 1994, incarico ricoperto per quasi dieci anni. L’8 gennaio 2004 il trasferimento come arcivescovo di Ancona-Osimo. Nella Cei è presidente della Conferenza episcopale marchigiana e membro della Commissione episcopale per l’educazione cattolica, la scuola e l’università. Ha inoltre l’incarico di assistente ecclesiastico nazionale dell’Amci, Associazione medici cattolici italiani. Membro di nomina pontificia alla III Assemblea straordinaria del Sinodo dei vescovi sulla famiglia (ottobre 2014), è stato relatore del Circolo minore italiano “A”. È stato creato cardinale da papa Francesco durante il Concistoro del 14 febbraio 2015 con il titolo della Chiesa dei Sacri Cuori di Gesù e Maria in Tor Fiorenza. Ha quindi partecipato come padre sinodale alla “XIV Assemblea generale ordinaria del Sinodo dei vescovi” dell’ottobre successivo. È membro della Congregazione per le Chiese orientali. Pastore affabile, di grande personalità e dal profondo tratto umano, come pastore di Ancona-Osimo, ha guidato il XXV Congresso eucaristico nazionale, svoltosi ad Ancona nel 2011 e culminato nella visita di Benedetto XVI.


© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: