mercoledì 6 dicembre 2017
Fiamme in una fabbrica chimica: 3 operai ustionati. La città dedica un memoriale alle vittime della tragedia del 6 dicembre 2007. Appendino: inaccettabile una giustizia incompiuta
Il luogo su cui sorgerà il memoriale dedicato alle vittime della Thyssen

Il luogo su cui sorgerà il memoriale dedicato alle vittime della Thyssen

Un'esplosione improvvisa in una fabbrica di prodotti chimici, la Vaber, tre operai ustionati: Torino ha rivissuto così in pochi attimi l'incubo della tragedia che dieci anni fa sconvolse l'Italia, proprio mentre la città commemorava le sette vittime della Thyssen. E' accaduto tutto questa mattina: da ciò che è emerso secondo le prime ricostruzioni, sembra che i feriti stessero lavorando con un solvente quando all’improvviso sono stati investiti da una forte fiammata proveniente da un serbatoio vicino. L’esplosione è avvenuta nel settore dove avviene la miscelazione delle vernici.

Immediato l'arrivo di vigili del fuoco e ambulanze sul posto: uno dei tre operai è stato ricoverato in prognosi riservata all'ospedale Cto di Torino, avrebbe riportato ustioni sul 10% del viso e non sarebbe in pericolo di vita. Un’altra persona è stata portata al Maria Vittoria: avrebbe inalato dei fumi e avrebbe i capelli bruciati. Non è grave. Un terzo operaio è quasi illeso.

Questa mattina, intanto, i familiari delle vittime, i compagni di lavoro e le istituzioni cittadine si sono ritrovate al Cimitero Monumentale per le commemorazioni della strage avvenuta dieci anni fa nella fabbrica che produceva acciaio. "Ad oggi la giustizia non è ancora compiuta e questo non è accettabile" ha detto il sindaco di Torino, Chiara Appendino, sostenendo che "la memoria è più viva che mai". Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte, ha ricordato indirettamente i ritardi del sistema giudiziario tedesco nel rendere esecutiva la pena per i manager del gruppo, affermando che "ci adopereremo in ogni modo affinché la Germania riconosca che di fronte a tragedie come questa non possono esserci confini".

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: