mercoledì 13 dicembre 2023
La popolare attrice è il direttore artistico di un festival, T.E.H.R., che promuove pace e salvaguardia dell'ambiente con lo sguardo delle donne in particolare. Si parte il 15 dicembre
Isabel Russinova in scena

Isabel Russinova in scena - Archivio

COMMENTA E CONDIVIDI

Diritti umani, teatro, musica, arte. E soprattutto invocazione della pace. Sono gli ingredienti di T.E.H.R (Tematic Exhibition of Human Rights), il festival che vuole raccontare temi legati ai diritti umani attraverso le arti, quest'anno giunto alla VII edizione. L'iniziativa, aperta ad accogliere voci sui diritti, concentra, attraverso eventi di cinema, teatro, musica, mostre, incontri, conversazioni, nel mese di dicembre di ogni anno un programma, distribuito su varie location della Capitale e costruito in base al tema scelto per l’annualità e quest’ anno ha come titolo, "La terra vittima della guerra". Partners di questa edizione sono, Università Roma tre, Fondazione Teatro Palladium, Nuovo Cinema Aquila, Aska News, Libreria Raponi, Casa Internazionale delle Donne, Indiecinema, Stati Generali delle donne, Rete del Caffè Sospeso, Festival Internazionale dei diritti umani di Napoli, Mediterraneo Festival Corto.

Così Isabel Russinova, ideatrice e direttore artistico del Festival, fotografa lo spirito della kermesse. “Quest’anno ho voluto dedicare il tema del festival a 'La terra vittima della guerra', perché di fatto l’avidità e la stupidità dell’uomo ci può trascinare verso scenari molto oscuri e pericolosi. Le guerre hanno provocato, da che esiste l’uomo, molte ferite all’umanità ma gli strumenti di distruzione che abbiamo in mano oggi sono davvero molto, molto invasivi e la natura è vittima silenziosa, che soffre di ferite forse mai più rimarginabili, gran parte del suo habitat è distrutto, molti paesi utilizzano animali come armi di guerra, dal 1950 al 2000 l‘80 per cento dei conflitti a fuoco ha danneggiato la biodiversità, inoltre stiamo distruggendo il futuro dei nostri giovani, i giovani combattono e muoiono in guerra, chi sopravvive avrà danni psicologici infernali, e dove non ci sono guerre di nuovo i giovani sono più esposti ai pericoli, ma soprattutto quale mondo stiamo lasciando ai giovani? T.E.H.R sta conquistando,
anno dopo anno sempre più partecipazione di pubblico e coinvolgimento da parte di nuovi partners, in particolare mi piace evidenziare il crescente interesse proprio dei giovani, che dimostrano di essere attenti e sensibili su tematiche rivolte ai diritti umani”.

Si parte il 15 dicembre con una serie di proiezioni al Nuovo Cinema Aquila a Roma, quindi altri appuntamenti saranno il 18 dicembre alla Casa Internazionale delle donne, il 13 gennaio allo Spazio Off di piazza san Cosimato e il 15 gennaio al Teatro Palladium con lo spettacolo di e con Isabel Russinova (regia di Rodolfo Martinelli Carraresi) "Eva degli Iris", omaggio a Eva Mameli Calvino, prima donna scienziata , botanica italiana e attivista per la salvaguarda del pianeta.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: