Azzardo. Sono i patologici ad arricchire il mercato


Umberto Folena domenica 10 gennaio 2016
Quella dell’azzardo è un’industria fondata su una patologia. I giocatori patologici non sono un incidente di percorso, una minoranza trascurabile, un inevitabile effetto collaterale, ma sono necessari a quell’industria che mira a produrne sempre di più. Affermazione forte? Sì, ma ragionevole. La ricerca di Natasha Dow Schüll lo dimostra senza scampo: «Il gettito complessivo dell’azzardo deriva dai giocatori d’azzardo patologici con un’oscillazione percentuale che va dal 30% a uno sconcertante 60%» (pag. 29). Le prove? Gli industriali italiani dell’azzardo ripetono che non esistono studi specifici in merito. A loro certo piacerebbe, ma gli studi sono tanti e sempre dicono che sono le slot le prime succhiasoldi, il vero perno, il cuore dell’azzardo industrializzato. I primi studi sono di Lesieur nel 1998: i giocatori patologici e problematici rappresentavano il 30,4% della spesa totale per il gioco in quattro Stati americani e tre province canadesi da lui esaminati. L’anno successivo il Louisiana Gambling Control Board indicava che i gambler problematici e patologici comprendevano il 30% della spesa su casinò galleggianti, il 42% di quella presso i casinò indiani e il 27% sulle macchinette. Nel 1998 uno studio analogo viene condotto in Nuova Scozia: i giocatori accaniti, appena l’1% della popolazione, generava una rendita da macchinetta del 53%. Il governo australiano, nel 1999, ha condotto uno studio epidemiologico: i giocatori più o meno problematici erano il 4,7% ma contribuivano per il 33% alle rendite nette dell’azzardo e per il 42,4% delle entrate da macchinette. Lo studio più recente del governo australiano conferma che la quota di spesa del giocatore problematico «si attesta intorno al 40%, dove alcune stime, però, suggeriscono che questa quota arriva talvolta al 60% e, nelle valutazioni più prudenti, comunque al di sopra del 22%». E potremmo proseguire. In attesa di analogo studio promosso dal governo italiano, una prima conclusione ragionevole è che l’azzardo è un’industria che ha bisogno dei giocatori patologici e problematici. Essi non sono un trascurabile incidente, ma una necessità. Senza di essi, l’industria dell’azzardo crollerebbe.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI:

Attualità

Marco Tarquinio
Le Ong impegnate nel Canale di Sicilia sono gli occhi che rischiamo di non avere più, sono le mani che non possiamo lasciare inerti, alimentano consapevolezze nelle coscienze d'Europa