lunedì 11 novembre 2019
Nel bosco della pace nel Comune dell'Hinterland milanese la nuova installazione ideata dai bambini delle scuole
(Articolonove Facebook)

(Articolonove Facebook)

COMMENTA E CONDIVIDI

Ottocento colori, ottocento messaggi e ottocento bambini che hanno lavorato 800 pezzi di legno con cui hanno costruito la barca della solidarietà e dell'accoglienza a Rescaldina, in provincia di Milano.
Lo scafo variopinto che dà vita a una nuova installazione lunga 7 metri, alta 2 e larga 2,5 metri è stata posizionata nel bosco della pace. La scelta del luogo per la barca dell'accoglienza non è casuale: il bosco della pace, voluto dai bambini delle scuole primarie tre anni fa, è diventato nel tempo il fulcro di tutte le iniziative dell'associazione Articolonove che ha fatto della grande area verde di via Alcide De Gasperi un luogo simbolo di solidarietà e rispetto dell'ambiente. Un luogo di pace che nemmeno i raid vandalici ripetuti nel tempo hanno scalfito. L'installazione più che una sfida all'ignoranza e all'egoismo, è un'apertura al futuro che passa attraverso l'educazione.
Il progetto promosso da Articolonove ha visto la partecipazione delle scuole dell’infanzia e primarie di primo grado di Rescaldina, oltre ai piccoli del nido Wojtyla e i ragazzi del Centro Diurno Disabili (CDD). Sempre da loro verrà colorata la vela dell'imbarcazione.

(Articolonove Facebook)

(Articolonove Facebook)

(Articolonove Facebook)

(Articolonove Facebook)

«Abbiamo progettato questo intervento perché da anni lavoriamo con le scuole per l'educazione alla pace - ha spiegato la vicepresidente di Articolonove Vittorina Cottica a Legnanonews - Abbiamo scelto la barca come simbolo di accoglienza e solidarietà. E abbiamo deciso di metterla qui, nel bosco della pace, perché non è un bosco qualsiasi e la barca, per noi, non poteva che essere qui. Anche la data non è casuale: oggi 9 novembre è l'anniversario della caduta del muro di Berlino: speriamo che oggi, dopo la caduta dei muri di allora, non se ne costruiscano più. Anche se oggi abbiamo altri muri da combattere: quelli dell'indifferenza, dell'intolleranza e psicologici».

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: