Le reazioni. Alfano: in Italia resta livello allerta 2


martedì 22 marzo 2016
​​Renzi: serve un patto europeo per la sicurezza, troppi rinvii. Per sconfiggere il terrorismo "serviranno anni" ma chiudere le frontiere non serve. I leader europei: attacco alla democrazia.
Alfano: in Italia resta livello allerta 2
In seguito all'attentato di Bruxelles, "manterremo il livello di allerta 2, quello immediatamente precedente all'attacco in corso. Ho poi disposto direttive per rafforzare il potenziamento di tutte le misure di sicurezza sugli obiettivi sensibili e ci saranno altre espulsioni nei confronti soggetti che hanno mostrato di non rispettare le regole del nostro Paese" ha detto il ministro dell'Interno, Angelino Alfano, in conferenza stampa al Viminale. Per vincere il terrorsimo "l'Ue vada fino in fondo, serve una struttura unitaria di sicurezza e difesa. È dal '54 che si litiga sulla sicurezza comune". Il premier Matteo Renzi parla nel primo pomeriggio quando il secondo attacco all'Europa, dopo le stragi di Parigi, è ormai una realtà con cui tutti i capi di Stato del vecchio continente devono fare i conti. "L'obiettivo è distruggere il terrorismo ma servirà tempo, mesi e forse anni, sappiamo che li sconfiggeremo ma servirà coraggio". "L'Europa deve fare di più a livello interno" ha detto Renzi. "È stato colpito il Belgio, la capitale e il cuore dell'Unione europea. È il momento di dire senza giri parole: gli attentatori venivano da dentro i luoghi colpiti, la minaccia è globale ma i killer sono anche killer locali".  Replicando alle polemiche politiche il premier ha sottolineato come in questo momento non sia il momento degli sciacalli né delle colombe. Nè tanto meno di misure estemporanee e prese da singoli paesi come la chiusura delle frontiere. "Chi oggi offre soluzioni miracolistiche non si rende conto di quanto sarà lunga questa situazione. Chi si illude e dice chiudiamo le frontiere non si rende conto che i nemici sono già dentro le nostre città". Il premier presiderà il Comitato per l'ordine e la sicurezza che si riunirà al Viminale. "È stato un attacco alla nostra società aperta e democratica": così i leader europei in una dichiarazione congiunta. "Questi attacchi rafforzano soltanto la nostra risolutezza nella difesa dei valori europei e della tolleranza dagli attacchi dell'intolleranza. Saremo fermi euniti nella lotta contro l'odio, l'estremismo violento e il terrorismo".
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: