Firenze. Vende in sposa la figlia tredicenne, arrestato serbo


Redazione Interni giovedì 14 settembre 2017
La minorenne era stata promessa per 15mila euro. Segregata per anni, si salva chiedendo aiuto a un amico attraverso la chat di un gioco per smarthphone
Un'immagine di repertorio dell'Ansa

Un'immagine di repertorio dell'Ansa

Tenuta segregata in casa per quattro anni e venduta in sposa ad un uomo che non conosceva per 15mila euro. La giovane è riuscita a salvarsi, chiedendo aiuto a un amico contattato attraverso la chat di un gioco per smartphone. La polizia di Firenze ha arrestato il padre della giovane, oggi 17enne, originario della Serbia e residente nel capoluogo toscano.

Secondo quanto ricostruito, quattro anni fa la ragazza - allora 13enne - era stata promessa in sposa dal padre a un connazionale, residente con la propria famiglia in Francia. L'accordo prevedeva il pagamento della somma di 15mila euro - di cui 4mila già versati - e la promessa che la giovane rimanesse vergine, dimagrisse e imparasse a fare le faccende domestiche.

Da allora la giovane sarebbe stata segregata in casa dai genitori, che le permettevano di uscire solo poche volte al mese, per fare la spesa e sempre accompagnata da uno degli uomini di famiglia.

La ragazzina è però riuscita a chiedere aiuto a un coetaneo, grazie a una connessione wi-fi.Il ragazzo, residente in Sicilia, ha raccolto la sua richiesta di aiuto e segnalato il caso a un centro antiviolenza, facendo così scattare le indagini.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: