giovedì 15 febbraio 2018
Il ragazzo è deceduto questa mattina. Era rimasto intossicato dal fumo del rogo scoppiato a Quarto Oggiaro. Altre 11 persone ricorrono alle cure dei sanitari
L'intervento dei vigili del fuoco a Quarto Oggiaro

L'intervento dei vigili del fuoco a Quarto Oggiaro

È morto alle 10.04 di questa mattina Haitam E., il tredicenne rimasto vittima dell'incendio di ieri in via Cogne, quartiere Quarto Oggiaro a Milano. La situazione è precipitata nell'ultima ora sebbene i medici avessero provato a tenerlo in coma farmacologico.

Il ragazzo, un 13enne di origine nordafricana, aveva respirato molto fumo ed è stato rianimato sul posto dai sanitari del 118, ma le sue condizioni sono subito apparse gravissime ed è stato portato in codice rosso all'ospedale Sacco. Altre 12 persone sono rimaste intossicate. Le fiamme sono state poste sotto controllo grazie all'intervento di una decina di squadre di pompieri.

Tutto lo stabile, che ha in tutto 14 piani, è stato immediatamente evacuato, anche se al momento dell'incendio erano molti gli inquilini che per lavoro non vi si trovavano.

All'arrivo dei vigili del fuoco le fiamme, partite dal 10° piano, erano già molto alte e coinvolgevano anche il piano superiore. Il fumo molto fitto rendeva particolarmente l'intervento per la mancanza di visibilità.

Delle persone intossicate, 3 sono state portate in codice giallo all'ospedale San Carlo, e dieci in codice verde smistate tra le strutture ospedaliere del Sacco, ma anche a Rho e al Fatebenefratelli.

È verosimile che a causare le fiamme sia stata un'esplosione.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: