lunedì 12 marzo 2018
Dalla Libia verso l'Europa su un gommone per permettere a uno di loro, 14 anni, di curarsi dalla leucemia. L'avventura di tre fratelli salvati da una Ong spagnola. Oltre 200 persone soccorse in mare
Già in ospedale a Catania il piccolo profugo con la leucemia

È stato trasferito al Policlinico di Catania il quattordicenne libico giunto lunedì 12 marzo ad Augusta con i due fratelli. Insieme hanno compiuto una fuga disperata, iniziata con un gommone nel Mediterraneo, per trovare una cura in Europa. Poi il soccorso in mare da parte della Ong spagnola Proactiva open Arms e il trasbordo sulla "Aquarius" di Sos Mediterranee e Msf che ha preso a bordo complessivamente 280 persone.

I primi accertamenti al "Muscatello" di Augusta hanno indicato una sospetta leucemia linfoblastica acuta, un tumore ematologico che prende origine dai linfociti. Così è stato deciso il trasferimento nella struttura pediatrica del capoluogo etneo. "Una storia d'amore e di eroismo", ha commentato l'equipaggio della Ong spagnola.

A riferire la storia della fuga disperata dalla Libia era stata sabato scorso, 10 marzo, la ong spagnola Proactiva Open Arms che aveva intercettato all'alba la piccola imbarcazione al largo del Paese africano. "Notte felice nel Mediterraneo - aveva detto Oscar Camps -, tre fratelli con un sacco di amore e 200 litri di benzina si sono messi in mare per avere la possibilità di dare al fratello che ha la leucemia, la speranza di raggiungere un ospedale europeo. Veri eroi".

Il tweet di Proactive open arms

Il tweet di Proactive open arms


E la stessa Ong aveva twittato: "Salvataggio nel mezzo della notte di tre persone alla deriva in alto mare, Allah di 14 anni malato di leucemia e i suoi 2 fratelli. Come deve essere la Libia e come si deve vivere lì se l'unica speranza di un bambino malato è la fuga in mare? E l'Europa continua a nutrire quell'inferno... Reagiamo!".

Sabato era stata una giornata di grandi flussi di migranti sul mar Mediterraneo: la Guardia costiera libica aveva "potuto salvare 125 migranti illegali tra cui 14 donne e 4 bambini" che erano su un gommone "in panne" 16 miglia a nord di Zauia (o Zawiya, una quarantina di km a ovest di Tripoli). I migranti erano stati portati alla base navale di Tripoli, poi sono stati consegnati al "Centro di accoglienza di Tagiura".

Altre 110 persone, tra cui 18 donne, erano state salvate al largo della Libia dalla nave "Aquarius" della Ong Sos Mediterranee. Erano a bordo di un gommone e sono stati caricati sulla nave dei soccorsi.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: