giovedì 15 giugno 2017
Negli ultimi cinque giorni tre discariche abusive sono andate in fiamme: due a Ercolano e una a Villa di Briano. Tutte e tre sotto sequestro disposto dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli

Cinque giorni e tre discariche (abusive) mandate in fiamme. Tutte e tre sotto sequestro disposto dalla Direzione distrettuale antimafia di Napoli: una a Villa di Briano (Caserta), due a Ercolano. Fiamme appiccate, nessun dubbio.

Che dietro questi incendi ci sia una regia lo hanno capito anche i bambini. Come pure che il disegno più ragionevolmente verosimile possa essere uno solo. I terreni di quelle discariche sono già stati analizzati e li sappiamo da un pezzo inquinati da rifiuti tossici, quindi c’è poco da poter ancora nascondere. Però il passato è passato, adesso è il futuro a fare gola, perché il banchetto potrebbe essere davvero sontuoso: mandando tutto in cenere, i costi della bonifica di quei terreni esplodono.

Tenendo conto che la Regione campania sta discutendo di quanto destinare proprio alle prime bonifiche, che non potranno certo essere spiccioli, ma milioni e milioni di euro, provate a chiedervi anche se questi incendi siano finiti e soprattutto se la camorra abbia voglia di mettere le mani su questa grande torta…

© Riproduzione riservata