Gdf. Piano di controlli estivi per imprese e consumatori: ecco i primi risultati


Redazione Internet sabato 12 agosto 2017
Anche quest'anno le Fiamme Gialle hanno intensificato le operazioni a tutela dell'economia locale nelle aree costiere e balneari
Piano di controlli estivi per imprese e consumatori: ecco i primi risultati

Oltre 450 venditori abusivi, una discoteca all’aperto spacciata per circolo ricreativo, 1.450 i lavoratori non assunti o pagati “fuori busta”, 370 casi di affitti “in nero” con un boom di “case pollaio” in Salento. Sono solo alcuni dei numeri del piano straordinario estivo (tuttora in corso), messo in campo anche quest'anno dalla Guardia di Finanza. Un impegno costante che affianca le maxioperazioni che caratterizzano il lavoro dei militari: «Alla tutela del “sistema-Paese” la Guardia di Finanza contribuisce non
solo con grandi indagini di polizia economico-finanziaria – ha affermato il Comandante Generale delle Fiamme Gialle Giorgio Toschi – ma anche con quotidiane azioni di controllo che, nel periodo estivo, nelle zone di villeggiatura, hanno visto una netta intensificazione a vantaggio delle imprese regolari e a protezione dei cittadini e della parte sana della società».

Il piano ha portato anche al sequestro di 12 milioni di prodotti contraffatti, con una media di 250 mila articoli tolti dal mercato ogni giorno. Senza contare i 1.000 distributori stradali controllati (1 su 5 irregolare) e gli accertamenti sui trasferimenti di denaro tramite “money transfer” che hanno portato all'identificazione di 900 soggetti.

Nell'operazione rientrano anche i 635 interventi effettuati a contrasto del gioco e delle scommesse abusive: uno su tre è risultato irregolare, 425 macchinette videopoker illegali sono state messe sotto sequestro così come 93 punti di scommesse clandestine. Sono 270 le persone segnalate delle quali 43 denunciate all’Autorità Giudiziaria. Nello stesso ambito a Torino sono stati sequestrati apparecchi da gioco manomessi da un gruppo criminale che, attraverso un software, ne alterava il funzionamento in modo da erogare vincite di importo di gran lunga inferiore rispetto a quello spettante.

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: