giovedì 25 maggio 2017
Dopo Manchester, circolare ai Prefetti del capo della Polizia Gabrielli. «Come per le partite di calcio ci siano steward». Occorrono, poi, aree di filtraggio e, dove possibile, barriere anti-auto
Dicembre 2016: barriere in piazza Duomo a Milano per impedire l'accesso di eventuali mezzi di trasporto utilizzabili per atti di terrorismo

Dicembre 2016: barriere in piazza Duomo a Milano per impedire l'accesso di eventuali mezzi di trasporto utilizzabili per atti di terrorismo

COMMENTA E CONDIVIDI

In estate sono attesi tanti «eventi di carattere sportivo, culturale, musicale e di intrattenimento» che attrarranno un «elevato afflusso di persone». Per garantire un'adeguata cornice di sicurezza è necessario il coinvolgimento anche degli «organizzatori dei singoli eventi» che, così come avviene per le partite di calcio, dovranno fornire «un servizio di stewardship calibrato in relazione alle esigenze». Così il capo della polizia, Franco Gabrielli, in una circolare inviata a prefetti e questori dopo la strage di Manchester.

La circolare prevede inoltre che occorrerà individuare «idonee aree di rispetto e/o pre-filtraggio» per controllare in modo mirato le persone, valutando anche, dove possibile, «l'adozione di impedimenti, anche fisici, all'accesso di veicoli alle aree pedonali». E per le forze dell'ordine che svolgeranno i servizi andranno prese «adeguate ed appropriate misure di autotutela, specie a salvaguardia della propria ed altrui incolumità».

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: