mercoledì 9 gennaio 2019
I senatori Mantero e Ciampolillo depositano alcuni disegni di legge per l'autoproduzione della cannabis. Ma ci sono molti motivi per opporsi
Lapresse

Lapresse

Il M5s deposita al Senato alcune proposte di legge per la legalizzazione dell'uso e della vendita della cannabis e dei suoi derivati e scoppia un nuovo caso con gli alleati di governo. "Le proposte sulla legalizzazione dell'uso della cannabis non sono concordate. È un tema che non è nel contratto del governo e che non è nell'agenda della Lega" avverte il ministro per la Famiglia Lorenzo Fontana. È uno strappo che fa il paio con la difesa della pensione di cittadinanza ai disabili su cui Matteo Salvini ha già lanciato battaglia. "Ci sorprende che vengano presentati disegni di legge che sembrano più provocazioni che altro" si lamenta infatti il ministro della Famiglia.

Ma la 'provocazione' del M5s lascia di stucco anche le altre forze politiche. Se i Radicali plaudono all'iniziativa ricordando che già dal 2016 giace in Parlamento una proposta di legge di iniziativa popolare presentata a loro nome, dell'Associazione Coscioni e di altre organizzazioni, il Pd resta cauto. "Non ci sono droghe di serie A e B. Sono tutte pericolose e su un tema così importante non ci si può limitare a un dibattito parlamentare, serve un referendum" propone il dem Stefano Pedica. Nettamente contraria è invece Forza Italia. "Non passerà mai" avverte Maurizio Gasparri mentre Andrea Mandelli argomenta: "L'idea che la Cannabis non sia nociva è sbagliata".

Quanto al M5s le proposte depositate arrivano dai senatori Matteo Mantero e Lello Ciampolillo. Il primo prevede la possibilità di coltivare fino a 3 piante in casa propria e di detenere fino a 15 grammi di sostanza a casa e 5 grammi fuori. E sulla contrarietà della Lega argomenta: "Non tutti i rappresentanti della Lega sono così contrari, molti colleghi con cui ho parlato la pensano diversamente". Ciampolillo ha invece depositato due diversi ddl che autorizzano la coltivazione di 4 piante: uno per uso terapeutico e l'altro ricreativo.

ECCO I MOTIVI DEL «NO» ALLA LEGALIZZAZIONE

SETTE MOTIVI PER DIRE NO ALLA MARIJUANA LEGALIZZATA di Lucia Bellaspiga

LA CANNABIS «LIGHT» NON ESISTE di Paolo Guiducci

CORSA AL BUSINESS DELLA CANNABIS di Pietro Saccò

IL NUOVO BUSINESS MONDIALE DELLA MARIJUANA: CHI SPECULA VUOLE LIBERALIZZARE di Pietro Saccò

IL BOOM DEI NEGOZI DI CANNABIS LEGALE: I RISCHI PER I GIOVANI di Nello Scavo

CONSIGLIO SUPERIORE DI SANITA': NO ALLA VENDITA DI CANNABIS LIGHT

CANNABIS AL VOLANTE, PERICOLO COSTANTE

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: