mercoledì 6 gennaio 2016
​Singolare iniziativa del parroco di Aulla (Massa Carrara) contro la violenza. Hanno partecipato 500 famiglie che si sono radunate dopo la messa dell'Epifania.
​Rispondendo a un invito del loro parroco, i bambini di Quercia, frazione di Aulla (Massa Carrara), la scorsa notte si sono ritrovati davanti alla chiesa, sotto la calza di 25 metri fatta calare dal campanile, e hanno distrutto le loro armi giocattolo.    Alla messa per l'Epifania e alla fiaccolata per la pace, che hanno preceduto il rito della distruzione delle armi giocattolo, ha partecipato praticamente tutta la comunità del paese, circa 500 famiglie, assieme a tanti curiosi, arrivati per assistere al disarmo dei bambini. Ideatore dell'iniziativa, nata per dire no alla guerra e alla violenza, è stato don Roberto Turino. "Vorrei che questo messaggio arrivasse anche ai nostri governanti - ha detto - perché spesso sono loro ad armare e ad armarci. Forse avremmo dovuto farle distruggere agli adulti queste armi". Le pistole, i fucili e le spade di gomma sono stati radunati per terra e a turno i bambini con martelli e bastoni li hanno frantumati. Le armi giocattolo distrutte sono poi rimaste a lungo davanti alla chiesa. "L'umanità è già troppo malata e violenta - aveva detto don Roberto Turini proponendo la singolare manifestazione -; non c'è bisogno di insegnare ai bambini a fare la guerra e ad usare armi, seppur giocattolo. Eppure i genitori continuano a regalare pistole, mitragliette e fucili. È tristissimo vedere bambini che giocano a fare la guerra".
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: