Le festa delle donne. Melissa, Asia, Falak: ecco il nostro 8 marzo


A.Ma. lunedì 7 marzo 2016
STORIE DI DONNE La bambina in fuga dalla Siria, l'adolescente che combatte il fenomeno delle spose bambine, la mamma surrogata che rifiuta l'aborto selettivo...
70 anni fa il primo voto delle italiane: una mozione per ricordare
Melissa, Asia, Falak: ecco il nostro 8 marzo
Domani è l'8 marzo, festa della donna. Abbiamo scelto alcune figure che descrivono (parzialmente) la complessità del mondo in cui vivono oggi le donne. FALAK IN FUGA DALLA GUERRA
È arrivata a Roma all'inizio di febbraio, con la prima apertura del corridoio umanitario organizzato dalla Comunità di Sant'Egidio insieme alle chiese evangeliche e e ai valdesi. Falak (qui a lato con la madre Yasmine, 27 anni) ha 7 anni e da quando aveva 4 mesi di vita combatte contro un tumore che le ha portato via l'occhio sinistro. Viveva ad Homs, in Siria, ma i bombardamenti ordinati dal presidente Assad ha distrutto la casa e la vita della famiglia. La piccola con i genitori e il fratellino minore si sono rifugiati prima a Damasco e poi in un campo profughi in Libano. Le cure di Falak si sono interrotte, ma i volontari dell'Associazione Papa Giovanni XXIII hanno incluso il suo nome tra i siriani autorizzati a entrare in Italia per motivi umanitari. Ed eccola qui, al sicuro a Roma, lontano dalle bombe, dalla precarietà. E i medici sperano anche lontano dalla malattia. Una nuova vita per Falak, simbolo di tutte le donne e le bambine vittime innocenti della guerra. LEGGI LA STORIA DI FALAKHADIQA: MAI PIU' SPOSE BAMBINE Hadiqa Bashis ha appena 14 anni ma già da tempo è impegnata attivamente nella difesa dei diritti delle bambine. Nella Valle dello Swat, in Pakistan, dove è nata e cresciuta, l'usanza vuole che le donne si sposino quando sono ancora piccolissime.
C'è chi viene data in matrimonio a soli otto anni, costretta a sposare uomini che spesso sono già anziani o, comunque, decenni più vecchi di lei. Hadiqa ha cominciato la sua battaglia visitando i vicini casa per casa, spiegando quanta sofferenza provochi questa pratica, cercando di sensibilizzare le famiglie. Buon 8 marzo a tutte le bambine che riescono a restare tali sfuggendo aun destino di piccole spose.

ASIA BIBI IN CARCERE DA 2.448 GIORNIUna giovane donna pakistana è diventata suo malgrado simbolo delle libertà negata di professare la propria fede.

Asia Bibi è in carcere da più di 6 anni in Pachistan, condannata a morte con la falsa accusa di blasfemia dopo un processo lungo e complesso. Per la sua libertà si sono mobilitati centinaia di migliaia di persone; una petizione è stata organizzata anche da Avvenire e avvenire.it; ha fatto il giro del mondo la sua lettera a Papa Francesco. Asia Bibi, simbolo di una fede imprigionata che però non si arrende. LEGGI LA STORIA DI ASIA BIBIMELISSA COOK, LA RIBELLE DELL'UTERO IN AFFITTOPoteva essere una delle tante madri surrogate californiane che per qualche migliaia di dollari porta in pancia il figlio di qualcun altro. Melissa Cook, 47 anni, già mamma di 4 figli, però con la sua ribellione ha svelato al mondo (se ce ne fosse ancora bisogno) quanto iniqua sia questa pratica.

Rimasta incinta di tre gemelli, si è rifiutata di abortirne uno, come ordinatole dall'uomo per la quale stava portando in grembo i bambini. L'uomo minacciava di non pagarla se non l'avesse fatto, ma lei è andata avanti. "Mi ero legata a tutti e tre", ha detto Melissa, affidandosi a un avvocato. I bambini - tre maschietti - sono nati il 23 febbraio, a sei mesi di gestazione, e l'ospedale ha impedito a Melissa di vederli e perfino di conoscere le loro condizioni di salute, perché così prevedeva il contratto che affida i tre neonati al committente. Ma ora il Tribunale potrebbe ribaltare la situazione. (L'ARTICOLO DI LIFENEWS.COM) Buona festa della donna a Melissa, che, anche se tardi, si è ribellata alla logica predatoria dell'utero in affitto.LEGGI LA STORIA DI MELISSA COOK

© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: