mercoledì 18 febbraio 2015
​È la religiosa più anziana del mondo. L'anno scorso per il compleanno partecipò, in Santa Marta, alla Messa celebrata da Papa Francesco. I cento anni invece li festeggiò pellegrina a Lourdes.
Tutto pronto a Lucca per festeggiare i 108 anni di suor Candida Bellotti, la religiosa più anziana del mondo, secondo quanto riferiscono i camilliani. Nata a Quinzano (Verona) il 20 febbraio del 1907, suor Candida da più di 80 anni si è consacrata alla spiritualità di San Camillo de Lellis, patrono degli ammalati, degli infermieri e dei luoghi di cura. Lo scorso anno, in occasione dei 400 anni dalla morte di San Camillo de Lellis, suor Candida ha festeggiato il compleanno a Roma, partecipando anche alla messa mattutina celebrata da Papa Francesco nella Domus Santa Marta, e ricevendo la sua benedizione. Quest'anno invece i festeggiamenti per la religiosa più anziana del mondo rimangono concentrati a Lucca, nella sede delle Ministre degli Infermi di via Elisa, 4. Venerdì 20 febbraio, alle ore 21, nella chiesa della Santissima ma Trinità, è prevista l'adorazione con il rendimento di grazie, a cui seguiranno le testimonianze di suor Candida, di alcune consorelle e delle due aspiranti, Luisa e Margherita. Sabato 21 febbraio, si terrà la giornata vocazionale "Svegliate il mondo!", rivolta alle consorelle della provincia. Alle ore 10, dopo i saluti della Superiora provinciale suor Juliana Fracasso, il camilliano fratel Carlo Mangione parlerà dell'Anno della vita consacrata indetto da Papa Francesco: "un dono, una sfida, una provocazione". Seguirà il dialogo assembleare. L'incontro si concluderà alle ore 15 con l'intervento della famiglia laica "Maria Domenica". Suor Candida (al secolo Alma Bellotti) è nata a Quinzano (Verona) il 20 febbraio del 1907. Terza di dieci figli, padre ciabattino e madre casalinga, è cresciuta in una famiglia semplice e profondamente cattolica. Inizia giovanissima a lavorare come sarta; intorno ai vent'anni comincia a sentire dentro di sé il desiderio di farsi suora. Il suo confessore la indirizza verso "la croce rossa" di san Camillo de Lellis. Così il 5 gennaio del 1931, accompagnata dal padre e dal fratello, fa il suo ingresso nell'Istituto delle Ministre degli Infermi di Lucca. Concluso il noviziato, prende i voti il 16 luglio del 1932, alla presenza dell'allora arcivescovo di Lucca monsignor Antonio Torrini. Quel giorno la famiglia non è presente, perché è appena venuta a mancare una cognata che lascia due bimbi di 4 e 5 anni. Nel giorno più bello della sua vita, suor Candida è sola, ma non le manca l'affetto della madre suor Angelica, delle consorelle e dell'intera comunità. Forte dei Marmi, Roma (dove ha conseguito il diploma di infermiera), Torino, Camaiore, Viareggio sono alcune delle località in cui ha operato, nel servizio ai malati e come formatrice di nuove vocazioni. Nel 2000, all'età di 93 anni, è stata trasferita nella casa madre di Lucca per un meritato riposo. Lucida e dinamica, dal mattino alla sera segue pienamente la vita della comunità: partecipa agli atti comuni e alle celebrazioni eucaristiche, e non fa mancare il suo contributo gioioso e sagace. Dopo aver festeggiato i 100 anni in pellegrinaggio a Lourdes, nel 2014 ha avuto la gioia di celebrare il compleanno partecipando alla messa presieduta da papa Francesco nella Domus Santa Marta a Roma.
© Riproduzione riservata

ARGOMENTI: