sabato 6 maggio 2017
Oltre 6mila persone soccorse in due giorni. A Catania, il cadavere del 21enne ucciso a bordo. Lo scafista gli ha sparato alle spalle perché si era rifiutato di consegnare il cappellino
Lo sbarco della nave di soccorso Phoenix del Moas a Catania (Lapresse)

Lo sbarco della nave di soccorso Phoenix del Moas a Catania (Lapresse) - LaPresse

COMMENTA E CONDIVIDI

Aveva solo 21 anni. Era partito dalla Sierra Leone e come molti altri suoi compagni di viaggio, sognava l’Europa. Gli hanno sparato alle spalle. Si era rifiutato di consegnare il suo cappellino da baseball al trafficante impegnato a traghettare il carico umano su uno dei tanti gommoni bianchi in partenza dalle coste della Libia. I soccorritori del Moas lo hanno trovato così. Un corpo senza vita sul fondo del gommone, col fratello accanto a vigilare, ancora in lacrime. La salma è arrivata sabato 6 maggio a Catania, sbarcata assieme a altri 394 migranti dalla nave Phoenix.

Salvate in mare 6mila persone in due giorni

Tra polemiche, accuse e proteste, le Ong continuano a salvare vite in mare. Anche sabato, come venerdì, 3mila persone soccorse. In tutto oltre 6mila in meno di 48 ore. In prima linea le navi Ong: la Aquarius di Sos Méditerranée, la Prudence di Medici senza Frontiere e la Vos Hestia di Save the Children, Sea Watch e Openarms. Ma anche rimorchiatori e mercantili, navi della Guardia costiera e della marina italiana. «Non abbiamo mai avuto un carico umano così alto da quando siamo in acqua» racconta Giovanna Di Benedetto, portavoce per il sud della Ong da anni in difesa dei più piccoli. Sono oltre 500 le persone a bordo della nave Vos Hestia di Save the children che ormeggerà a Vibo Valentia, stamattina. È come un bollettino di guerra, il report degli sbarchi previsti oggi e diffuso dalla Guardia costiera: 3.159 migranti in arrivo tra Sicilia e Calabria. Oltre alla Vos Hestia, arriverà ad Augusta, nel Siracusano, la nave Gregoretti della Guardia costiera, con a bordo 985 persone. Mentre alle 8, il pattugliatore d’altura Fiorillo approderà con 408 migranti a Pozzallo (Ragusa). Previsto per le 10 l’arrivo a Reggio Calabria della nave Aquarius di Sos Méditerranée con 731 migranti a bordo. Ancora da definire l’arrivo della nave militare spagnola Esps Canarias con 507 migranti al porto di Messina.

Il copione è sempre lo stesso: scaricano i migranti soccorsi e ripartono per la zona Sar (Search and rescue, ricerca e soccorso) davanti alle coste libiche. In acque internazionali, sottolineano le Ong, dopo le polemiche e le accuse di una certa politica scaturite dalle indagini in corso dalla Procura di Catania e di Trapani. Inchieste in corso sul traffico di esseri umani nel Mediterraneo anche a Siracusa e Palermo. «Non ho ricevuto telefonate da scafisti, odiamo i trafficanti di persone» ha ribadito anche sabato Regina Catrambone, fondatrice insieme al marito della Ong maltese Moas, dal molo di Catania, durante lo sbarco dei migranti soccorsi in mare. «Noi abbiamo iniziato la nostra attività nel 2014 per colmare un vuoto – ricostruisce Regina Catrambone – e non capisco perché questa accuse arrivano proprio ora».

Le Ong: se qualcuno ha commesso errori, si indaghi

E sull'ipotesi di un "accreditamento" delle ong che operano in mare, annuncia che Moas «sta cercando di aprire una sede in Italia, a Roma». «Basta fango e sciacallaggio mediatici, se qualcuno ha commesso errori, si lavori, si indaghi» invita la donna esausta da settimane di accuse.

Anche Ruben Neugebauer, portavoce della ong tedesca Sea Watch è esasperato dalla "criminalizzazione" dei soccorsi in mare. «L’Unione europea abbandona i migranti. Siamo in mare, abbiamo 274 persone a bordo e ancora diversi salvataggi in corso – racconta – ma intorno a noi non c’è nessuna nave europea».

Per mettere a tacere tutte le polemiche e le accuse, anche la ong tedesca nei prossimi giorni sarà in audizione in commissione Senato. Probabilmente il prossimo 18 maggio. «Non siamo ancora andati perché non abbiamo mai formalmente ricevuto una convocazione» conferma. «Hey, Frontex – tweettano intanto dalla nave – in una giornata come oggi, con 1.600 persone da salvare lasciate a @MSF_Sea @openarms_fund e @seawatchcrew, dove sono le 11 navi europee?».

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI