martedì 2 febbraio 2021
Lo promette Bertolaso, neo nominato consulente per la campagna vaccinale della Regione: da fine febbraio si comincerà con gli over 80
Guido Bertolaso con il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, e l'assessore regionale alla Salute, Letizia Moratti

Guido Bertolaso con il presidente della Lombardia, Attilio Fontana, e l'assessore regionale alla Salute, Letizia Moratti - Lapresse

COMMENTA E CONDIVIDI

Sono 9.660 i nuovi contagi registrati nelle ultime 24 ore, mentre i morti risultano 499. Ieri i test positivi erano stati 7.925, i morti 329. Nel complesso sono stati 244.429 i test (tamponi molecolari e antigenici) effettuati, con un tasso di positività rispetto ai nuovi casi (9.660) pari al 3,9%, in calo dell'1,7% rispetto a ieri.

Con una "campagna massiccia di vaccinazione 24 ore al giorno 7 giorni a settimana, se abbiamo i vaccini il traguardo di vaccinare tutta la Lombardia prima della fine di giugno è assolutamente possibile": lo ha detto Guido Bertolaso, neo arruolato dalla Regione per il comitato guida della gestione del piano vaccinale anti-Covid.

"Nei prossimi giorni - ha detto - coinvolgeremo tutti i soggetti che potranno dare una mano per vaccinare 10 milioni di persone auspicabilmente entro l'inizio dell'estate, prima di giugno, ma sempre se ci danno i vaccini. Sono convinto che ce la faremo". "Avremo un febbraio e un mese di marzo critici per quanto riguarda l'approvvigionamento, ma da aprile in poi saremo inondati di vaccini" ha detto ancora Bertolaso, il quale ha precisato anche che per la consulenza non riceverà alcun compenso.

Per gli ultraottantenni, che in Lombardia sono 700mila, la vaccinazione dovrebbe partire entro fine febbraio. Per prenotarsi, spiega Giacomo Lucchini, responsabile della campagna vaccinale della Lombardia, "abbiamo in funzione il canale dei medici di base, che conoscono meglio questa popolazione, e abbiamo dei sistemi di prenotazione, sia con chiamata che con invito". In contemporanea, con il vaccino di AstraZeneca (da riservare agli under 55), cominceranno le vaccinazioni di massa a partire dal personale scolastico e dei servizi.

La Campania: vaccini finiti, già prenotati 50mila ultraottantenni

"Qualche tempo fa si diceva che la Lombardia è un modello, ma oggi... Come Campania siamo la prima regione d'Italia per la percentuale di vaccinazioni che abbiamo fatto. Il treno della Campania è alta velocità, lì stanno ancora con l'accelerato". A fare il confronto è il presidente della Regione Campania, Vincenzo De Luca. "Oggi chiudiamo la seconda dose ma i vaccini sono finiti" informa. E anche lui si dà una scadenza: "Abbiamo l'obiettivo di vaccinare 4,6 milioni di cittadini nel 2021 e l'obiettivo intermedio di vaccinare tutti cittadini di Napoli entro l'estate ma ci devono arrivare i vaccini". "Noi - ha detto - siamo pronti, possiamo fare anche 50.000 vaccini al giorno. Fra qualche giorno cominciamo a vaccinare gli ultraottantenni e poi le categorie fragili, come i malati oncologici, gli immunodepressi, con livelli di efficienza che ci invidiano".

Al terzo giorno di apertura della piattaforma telematica per l'adesione al piano vaccinazioni riservato ai cittadini campani che hanno 80 anni di età o più, è stata già superata quota 50mila iscritti. Il link per prenotarsi è https://adesionevaccinazioni.soresa.it/. Possono aderire anche coloro che compiono gli 80 anni in tutto il 2021. Al momento dell'adesione è necessario fornire un indirizzo email e un recapito cellulare, che saranno utilizzati in fase di convocazione per la somministrazione della prima dose del vaccino. La piattaforma richiede la verifica del numero di cellulare fornito tramite un codice inviato via Sms.

© Riproduzione riservata
COMMENTA E CONDIVIDI

ARGOMENTI: