E nell'esilio non dimenticare

E nell'esilio non dimenticare

E ogni volta il mio sistema era bello, vasto, spazioso, comodo, pulito e soprattutto liscio. E ogni volta un prodotto spontaneo e inatteso della vitalità universale veniva a dare una smentita ...

Questo contenuto è riservato agli utenti registrati

Avvenire

Guarda tutte le nostre offerte Accedi

Se sei abbonato ad Avvenire Digitale Accedi