Passa a livello superiore
Accesso
Dischi Sacra A cura di Andrea Milanesi
stampa quest'articolo segnala ad un amico feed
 
Il «Cantico dei Cantici» di Yoffe un musicale viatico dell'umanità
 
Si ispira al libro biblico del Cantico dei Cantici il disco che l'etichetta Ecm (distribuita in Italia da Ducale) ha dedicato a Boris Yoffe e alla sua sterminata produzione cameristica; è infatti dal 1995 che il compositore russo scrive tutti i giorni brevissimi quartetti per archi (alcuni della durata di appena mezzo minuto) e oggi il suo Book of Quartets è diventato un monumentale compendio musicale perennemente destinato ad aumentare e ormai formato da migliaia di pagine. Classe 1968, Yoffe si è diplomato al Conservatorio della sua città natale, San Pietroburgo, per poi trasferirsi prima in Israele e infine in Germania; un multiforme complesso di esperienze spirituali ed estetiche ha così forgiato la sua personalità artistica, portandolo a definirsi «un compositore saldamente radicato nella tradizione culturale ebraica», ma che trae nel contempo ispirazione dalla musica tedesca, dalla letteratura russa e dalla filosofia orientale. Sotto la supervisione dello stesso autore, nel cd Song of Songs gli strumenti del Rosamunde Quartett e le voci del gruppo Hilliard Ensemble si sono dati appuntamento in questo melange di stili e influenze, scegliendo di eseguire alcuni lavori recenti che aprono le porte a continui spunti di riflessione e meditazione; brani caratterizzati da una scrittura particolarmente sensibile alle sfumature, tra ripetizioni, autocitazioni e rimandi tematici, frammenti melodici che si sovrappongono a passi veterotestamentari molte volte sminuzzati e riconvertiti in meri "pre-testi" sonori, tra ambientazioni ritmico-armoniche dai contorni spesso indefiniti, avvolti da atmosfere dalle tinte fosche e dai colori fortemente lividi. Pagine che richiedono un ascolto impegnato e dedicato, esempi vivi di un cammino di ricerca e sperimentazione cristallizzato dalle parole con cui l'artista tedesco Wolfgang Rihm, già compositore in residence al Festival di Lucerna e maestro di Yoffe, definisce l'opera del suo brillante allievo nelle note di copertina dell'album: «Il suo lavoro è pervaso da una straordinaria bellezza. I singoli brani equivalgono alla sintesi del grande lavoro di una vita... che non ha inizio e non ha fine: "infinito" appunto. E tutto ciò che manca deve essere solamente immaginato: tutto qui».

© riproduzione riservata
​​
2016-premio-candida-300x125.gif