Passa a livello superiore
Accesso
Angelus 1 marzo
Udienza
Le cooperative devono continuare ad essere il motore che solleva e sviluppa la parte più debole delle nostre comunità locali e della società civile.
Angelus 22 febbraio
​Il deserto è il luogo dove si può ascoltare la voce di Dio e la voce del tentatore. Nel rumore, nella confusione questo non si può fare; si sentono solo le voci superficiali. Invece nel deserto possiamo scendere in profondità.
Santa Marta 20 febbraio 2015
I cristiani, specie in Quaresima, sono chiamati a vivere coerentemente l’amore a Dio e l’amore al prossimo. “Non è digiuno, non mangiare la carne” ma poi “litigare e sfruttare gli operai”.
Santa Marta 19 febbraio
​In ogni circostanza della vita, il cristiano deve scegliere Dio e non lasciarsi fuorviare da abitudini e situazioni che portano lontano da Lui.
L'udienza
Senza la fraternità il mondo è sempre terra di divisioni e guerre. I cristiani siano esempi di cosa voglia dire amare col cuore di un fratello o una sorella. Con queste esortazioni Papa Francesco ha aggiunto un nuovo capitolo alla sua catechesi sulla famiglia, presiedendo l’udienza generale in Piazza San Pietro davanti a migliaia di persone.
Messaggio per la Gmg 2015
​Vi auguro, cari giovani, che questo sguardo di Cristo, pieno di amore, vi accompagni per tutta la vostra vita.
Santa Marta
​Tutti noi siamo capaci di fare del bene, ma anche di distruggere quanto Dio ha fatto. E’ quanto affermato da Francesco nella Messa mattutina a Casa Santa Marta. Il Papa, soffermandosi sulla prima Lettura che narra del diluvio universale, ha osservato che l’uomo è perfino capace di distruggere la fraternità e da qui nascono guerre e divisioni. Quindi, ha duramente condannato quegli “imprenditori di morte” che vendono armi a Paesi in conflitto perché la guerra possa continuare.
Omelia alla Messa con i neocardinali
​La strada della Chiesa è proprio quella di uscire dal proprio recinto per andare a cercare i lontani nelle "periferie" essenziali dell’esistenza.
Angelus 15 febbraio
“Non avere paura di guardare un povero negli occhi”: così Papa Francesco che all’Angelus chiede di “eliminare ogni tipo di emarginazione sociale”. Poi, il pensiero a quanti in Estremo Oriente si apprestano a festeggiare il capodanno lunare sotto il segno della fraternità. Un applauso chiesto per i nuovi cardinali e il rinnovato invito a pregare per il Papa. 60.000 le persone in piazza.

E-SINO-FAMA-CENT.jpg

auguripf.jpg

PAPA-TURCHIO-SP.jpg