Passa a livello superiore
Accesso
Mondo
In segno di gratitudine
Profughi siriani chiamano la figlia Angela Merkel
 
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​La foto tratta da un sito tedesco

​​​​

Per loro la Germania è la speranza. La possibilità di poter vivere una seconda vita in pace. E per ringraziare la cancelliera tedesca dell'accoglienza ricevuta, una coppia di profughi ospitata in un centro di accoglienza a Duisburg, in Nordreno-Vestfalia, ha chiamato la propria figlia Angela Merkel.

"La Germania è come una madre per noi", ha detto alla Westdeutsche Allgemeine Zeitung il padre della neonata Mamon Alhamza, "vogliamo ringraziare per il fatto di poter essere qui".

La bimba è nata il 27 dicembre scorso, i genitori sono arrivati in Germania tre mesi fa. All'anagrafe di Duisburg, i funzionari non hanno avuto problemi a registrare l'insolito nome. "È possibile dare il nome Angela Merkel se questo non comporta problemi per il figlio", ha detto un funzionario.

Ma questo non è il prima caso. Già lo scorso anno, una donna ghanese residente ad Hannover, aveva dato alla propria figlia il nome della cencelliera, sempre in forma di ringraziamento.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza