Passa a livello superiore
Accesso
Mondo
Al largo dell'Egitto
Egitto, recuperati 148 corpi di migranti
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
Il dolore di una madre sul molo di Al-Beheria  (Lapresse)

Si aggrava il tragico bilancio, ancora provvisorio, delle vittime del naufragio di un barcone di migranti al largo delle coste egiziane avvenuto il 21 settembre: i morti accertati sono 148, tra cui donne e bambini, 165 i sopravvissuti e oltre cento i dispersi.

Intanto con l'accusa di "traffico di essere umani e omicidio colposo", quattro persone sono state arrestate su ordine della procura. I quattro sono tutti membri dell'equipaggio della barca e uno di loro è il proprietario. Nei loro confronti è scattata la misura cautelare in carcere per 4 giorni in attesa degli esiti delle indagini. La Procura ha anche chiesto un mandato di arresto per altre cinque persone coinvolte nella tragedia.

157 sopravvissuti sono stati fermati e trasportati al commissariato di Rosetta. Sono in maggioranza siriani, sudanesi e somali.

egittoLapresseFo_52611264.jpg
Anche i pescatori sono coinvolti nella ricerca dei dispersi (Lapresse)

«Al largo per 5 giorni, per caricare al massimo». Il barcone era "sovraccarico" e molti dei sopravvissuti hanno raccontato scene agghiaccianti: gente che cadeva in acqua, donne e bambini che affogavano in mare aperto. Alcuni hanno riferito alla Bbc online che la barca sarebbe stata tenuta al largo della costa per cinque giorni mentre a bordo venivano portati sempre più migranti. E poi le crudeltà da parte dei trafficanti. Quelli che volevano indossare giubbotti avrebbero dovuto pagare un prezzo extra, oltre a quello già versato per compiere la traversata.

egittooLapresseFo_52605041.jpg
Sopravvissuti soccorsi a Al-Beheria (Lapresse)

Rovesciata per il sovraffollamento. L'irreparabile è accaduto quando un ultimo gruppo di 150 migranti è giunto per imbarcarsi. A quel punto l'imbarcazione non ha retto il peso, si è rovesciata ed è affondata. "La barca era di legno ed era stracolma", ha raccontato un giovane egiziano, Mahmoud Aly alla Cnn, precisando di avere trascorso tutto il pomeriggio di ieri andando e venendo dai vari ospedali della zona. A bordo c'erano il cugino, che si è salvato, mentre il fratello di 24 anni è ancora dato per disperso. Insieme alla sua famiglia ha passato la notte davanti alla costa nella speranza di ricevere notizie.

egittooLapresseFo_52613781.jpg
Il trasferimento dei corpi delle vittime (Lapresse)

Si cercano «oltre cento» dispersi. Le forze di sicurezza egiziane continuano a lavorare in mare aperto alla ricerca dei dispersi. L'agenzia di stampa egiziana Mena ha scritto che sul barcone erano presenti circa "600 migranti", una cifra che non è stata confermata dalle autorità locali. Secondo l'Ap potrebbero esserci stati dai 250 ai 400 disperati, mentre il sito arabo Al Ahram parla di 550. "Il bilancio si aggraverà", ha detto una fonte medica raggiunta per telefono dalla France Presse. "Sull'imbarcazione c'era un stiva per trasportare il pesce che ancora non è stata aperta. Probabilmente sarà piena di corpi".

egittoLapresseFo_52611274.jpg
Un gommone militare impegnato nelle ricerche (Lapresse)

Giovani africani, sognavano l'Italia. Quelli tratti in salvo sono quasi tutti africani, in maggioranza egiziani e giovanissimi, tra minorenni e uomini sui vent'anni. Ma tra i sopravvissuti vi sono anche siriani, sudanesi, somali ed eritrei. L'imbarcazione era partita dalle coste nord dell'Egitto ed era diretta verso l'Italia, ma a circa 12 miglia nautiche a nordest di Rosetta si è rovesciata.

egittooLapresseFo_52605057.jpg
Alcuni sopravvissuti a Al-Beheria (Lapresse)

«Mai visto nulla di simile». Drammatico quanto riferito da un pescatore: "È una tragedia, prima d'ora non avevamo mai visto nulla di simile", ha detto Mohamed Abu Arab precisando di avere già trovato in passato i resti di altri esseri umani, risultato di precedenti tragedie. "Ognuno di noi dà una mano e tutte le agenzie della sicurezza sono coinvolte".

egittLapresseFo_52611263.jpg
La snervante attesa di notizie (Lapresse)

Frontex: ora si parte dall'Egitto. Quest'anno sono circa 206.400 i migranti e i profughi che hanno varcato il Mar Mediterraneo, secondo l'Organizzazione internazionale per le migrazioni. Tra gennaio e giugno sono più di 2.800 le persone morte in mare, contro i 1.838 dello stesso periodo dello scorso anno. L'agenzia Ue Frontex ha avvertito che un numero crescente di migranti diretti in Europa sta puntando all'Egitto come Paese di partenza per la traversata in mare.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza