Passa a livello superiore
Accesso
Mondo
Egitto
Migranti, affonda barcone: almeno 52 morti
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
Il naufragio del 25 maggio scorso, in cui oltre 500 migranti furono salvati (foto Marina Militare)

Ennesima strage di migranti nel mar Mediterraneo. Un barcone carico di centinaia di persone in fuga dall'Africa è naufragato al largo delle coste settentrionali dell'Egitto. Almeno 52 i morti accertati, ma il bilancio della tragedia rischia di assumere proporzioni ancora maggiori.

"Sono almeno 42 i corpi dei migranti annegati recuperati finora" ha reso noto mercoledì sera il ministero della Salute egiziano alla tv di Stato. "Altri cinque migranti sono stati ricoverati in ospedale" ha aggiunto il portavoce. Nella giornata di giovedì altri 10 corpi sono stati recuperati.

Il naufragio è avvenuto al largo di Kafr al-Sheikh, località situata a circa 140 a nord della capitale Il Cairo. L'agenzia statale Mena riporta la seguente dichiarazione di un'autorità locale: "Un'imbarcazione illegale di migranti si è capovolta al largo della costa di Kafr al -Sheikh con 600 migranti a bordo nella più vasta operazione di migrazione illegale registrata finora su queste coste".

Tra i cadaveri recuperati ci sono anche quelli di dieci donne e due bambini. Lo rende noto il portavoce della provincia di Kafr al-Sheikh, Ahmed al Loz, aggiungendo che a bordo del barcone viaggiavano almeno 600 migranti. Si tratta di egiziani, siriani e di persone "di altre nazionalità africane" afferma.

A diffondere la notizia è stata la catena satellitare Al Jazeera, che in un primo momento aveva parlato di 300 persone a bordo del barcone naufragato. Per l'agenzia egiziana Mena invece i migranti a bordo erano 600.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza