Passa a livello superiore
Accesso
Mondo
Immigrazione
Migranti, 8mila accalcati al confine greco  
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

Sono oltre 8mila secondo la Bbc - più di 10mila per la stampa ellenica - i migranti accalcati in condizioni sempre più precarie sul versante greco della frontiera con la Macedonia in attesa di poter proseguire il viaggio verso il nord dell'Europa. Malgrado la chiusura del confine migliaia di persone continuano a viaggiare in direzione di Idomeni, dove c'è la recinzione di filo spinato: molti sono stati costretti ad attendere a bordo di autobus fermi alle stazioni di servizio lungo la strada da Atene. E altri continuano ad arrivare: solo oggi più di un migliaio di persone ha raggiunto il porto di Atene, il Pireo, proveniente dalle isole greche. Le autorità della Macedonia hanno riaperto per circa quattro ore le frontiere con la Grecia, autorizzando l'ingresso di 170 profughi provenienti da Siria ed Iraq.

Intanto le agenzie umanitarie continuano a lanciare l'allarme per le condizioni in cui si trovano i migranti: l'Acnur, Alto Commissariato delle Nazioni Unite per i Rifugiati, ha sottolineato la gravità della situazione e ha parlato di una crisi umanitaria auto-provocata che ormai è al suo apice. L'allarme è alto soprattutto per le condizioni di salute dei migranti, tra i quali ci sono molti bambini. Caroline Haga, coordinatrice per le emergenze alla Croce Rossa ha riferito di tre nuovi campi allestiti dai militari greci vicino Idomeni, ma già pieni, ognuno con circa 2mila rifugiati.

La Commissione Europea oggi si riunisce per varare un nuovo strumento per fornire assistenza umanitaria di emergenza ai migranti all'interno della Ue. Il varo del piano è stato annunciato dopo che il presidente della Commissione Jean-Claude Juncker ha parlato al telefono con il premier greco Alexis Tsipras, "assicurandogli il sostegno suo personale e della Commissione nell'affrontare la crisi dei migranti".

​Intanto prosegue per il terzo giorno consecutivo lo sgombero del grande accampamento di migranti a Calais. La notte è stata tranquilla, anche se sono state bruciate alcune baracche. In mattinata le ruspe sono entrate in azione, dopo che la polizia ha avvertito i migranti di uscire dalle baracche. Sul posto si trovano agenti in assetto antisommossa, dopo che lunedì nel campo la situazione è degenerata e ci sono stati scontri. Nella giungla si trovano circa 1.000 i migranti, secondo il governo francese, ma sarebbero quasi 3.500 secondo le associazioni. Si tratta soprattutto di siriani, afgani e sudanesi.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza