Passa a livello superiore
Accesso
Mondo
Is, Isis o Isil
Li chiameremo Daesh. Ecco perché
Anna Maria Brogi
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​Una bandiera dei jihadisti del Daesh

​​
2016-premio-candida-300x125.gif
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​
Anche noi di Avvenire abbiamo deciso, come altre testate italiane e straniere, di adottare d'ora in poi l'acronimo arabo DAESH per designare il gruppo terroristico finora indicato come Is o, in precedenza, Isis. Ecco, in breve, i motivi della scelta.

1) Non riconoscere a questo gruppo terroristico la dignità esplicita di Stato, nell'uso linguistico internazionale, neppure attraverso una semplice sigla (Is sta per Islamic State, ovvero Stato islamico).

2) Dismettere l'acronimo inglese (Islamic State, Is) dal momento che in aree linguistiche diverse, in particolare in Francia e nei Paesi arabi, non viene utilizzato.

3) Privilegiare l'uniformità: in un mondo in cui l'informazione arriva da tante fonti diverse (anche in lingue diverse) sarebbe fuorviante doversi destreggiare fra più sigle che indicano la medesima entità: Isi (Islamic State of Iraq), Isis (Islamic State of Iraq and Siria), Isil (Islamic State of Iraq and Levant), Is (Islamic State), Sic (State of Islamic Caliphate), Daesh.

4) Seguire l'uso ufficiale, vigente negli ambienti governativi e investigativi internazionali. Il Pentagono ha ufficializzato l'uso di Daesh il 19 dicembre 2014 su richiesta degli alleati in Medio Oriente (Isis o Isil "legittimano le aspirazioni a stabilire un califfato"). Se Obama e Hollande parlano di Daesh, perché tradurre diversamente?

Che cosa significa DAESH? È l'acronimo dell'arabo Al dawla al islamiya fi al Iraq wal Sham (che in definitiva significa sempre "Lo Stato islamico dell'Iraq e della grande Siria che corrisponde al Levante"). In arabo il termine ha un suono simile alle parole "calpestare e distruggere". Viene quindi usato in senso denigratorio.

Chi ne ha introdotto l'uso? È lo stesso gruppo terroristico, dal 2013 quando si è "allargato" alla Siria, a definirsi così. Ma i suoi membri e simpatizzanti preferiscono chiamarlo al-Dawla, "lo Stato".

La provocazione -  Il segretario generale delle Nazioni Unite, Ban Ki-moon, ha denunciato il gruppo come un “Non-stato non-islamico”. Ma nessuno finora ha adottato l'acronimo che ne conseguirebbe: Nins ("Not islamic, not State).
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza