Passa a livello superiore
Accesso
Mondo
Cambio di strategia
Raid Usa in Libia contro il Daesh, 40 morti
 
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
Raid Usa nei pressi di Sabratha, in Libia (Ansaweb)

​​​​
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​

Gli Stati Uniti scendono in campo in Libia contra il Daesh (Isis). Lo fanno con un raid pesante a Sabratha, nell’ovest del Paese. L’azione potrebbe rappresentare una svolta nel coinvolgimento di Washington sul fronte libico. Il tema, si ricorderà, è stato affrontato a vari livelli anche tra il governo di Obama e quello italiano.

Il primo bilancio è di "almeno 41 morti e 6 feriti" secondo quanto riporta una nota del consiglio municipale della città, citando fonti mediche.

Il raid americano era diretto in particolare contro Noureddine Chouchane la presunta mente delle stragi dello scorso anno in Tunisia, al museo del Bardo e sulla spiaggia di Sousse. Secondo il New York Times, che cita una fonte occidentale è stato centrato un campo di addestramento del Daesh e si afferma che sarebbero rimasti uccisi "oltre 30 jihadisti". Mentre resta incerta la sorte di Chouchane.

Secondo la fonte citata dal Nyt, il tunisino Chouchane è considerato uno dei più influenti responsabili del Daesh ed è stato collegato alla strage del Bardo di marzo 2015, in cui morirono 24 persone tra le quali 4 italiani, e quella sulla spiaggia di Sousse, a giugno, che fece 38 vittime.

Jamal Naji Zubia, responsabile per i media stranieri di Tripoli, ha affermato che il raid americano ha centrato una casa colonica a diversi chilometri da Sabratha. I jihadisti uccisi nel raid sarebbero soprattutto di nazionalità tunisina.

Noureddine Chouchane e altri jihadisti del Daesh attaccati dal raid Usa stavano pianificando attacchi contro gli Usa e altri obiettivi occidentali nella regione. Lo rivela il Pentagono, come spiega l'addetto stampa Peter Cook: "Abbiamo condotto questa azione contro Chouchane e contro il campo di addestramento dopo aver accertato che in quella installazione si stavano pianificando attacchi contro gli Usa e altri interessi occidentali nella regione".

Inoltre giunge la notizia che un altro esponente di rilievo del Daesh, "Abou Abdallah", di origine palestinese, è stato ucciso in Libia. Lo riferiscono i media libici. L'uomo, noto anche con il nome di battaglia di Mefieh Abou Azer, sarebbe arrivato in Libia da un anno con la moglie e due figli, originario di Rafah, la città egiziana al confine con la Striscia di Gaza. Non ci sono però informazioni dettagliate sul luogo e sulle circostanze della sua morte.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza