Passa a livello superiore
Accesso
Mondo
Intervista
Turchia, don Santoro «un seme di speranza»
DANILO PAOLINI
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

Un seme di misericordia e di dialogo dal quale sono fiorite fede e speranza. Oggi la diocesi di Roma ricorderà solennemente il “suo” don Andrea Santoro, sacerdote fidei donum ucciso con due colpi di pistola alla schiena esattamente dieci anni fa, mentre pregava nella chiesa di Santa Maria a Trabzon, in Turchia, di cui era parroco. L’appuntamento è per le 19 nella Basilica di San Giovanni in Laterano, con la concelebrazione eucaristica presieduta dal cardinale vicario Agostino Vallini. Anche a Trabzon (l’antica Trebisonda), nella parrocchia luogo dell’omicidio – ha fatto sapere all’agenzia Fides il vescovo Paolo Bizzeti, vicario apostolico per l’Anatolia – alle 18,30 sarà celebrata una messa in memoria del prete di Priverno. È il segno che la sua figura «ha unito e unisce due mondi apparentemente lontani », commenta la sorella di don Andrea, Maddalena Santoro.


Che cosa è cresciuto, in questi dieci anni, nel nome di don Santoro?

È difficile quantificare, perché le diffi- coltà che i cattolici hanno a Trabzon purtroppo non sono cambiate molto da quando lui era lì. Però certamente ha gettato un seme. Oltre ai pochi cristiani locali e a quelli che transitano, provenienti dalla Georgia o da altri Paesi dell’ex Urss, adesso anche alcuni giovani locali si avvicinano, se non altro per curiosità, dopo aver studiato che in passato avevano, magari, bisnonni cristiani...


Insomma, il suo estremo sacrificio non è stato “inutile'.
Di questo sono sicura. Lui diceva: «Noi dobbiamo essere secondo il Vangelo, luce e sale. Gesù non ci chiede di essere uno Stato, un territorio. Ci chiede di essere luce e sale». Di questo era convintissimo. Anche qui a Roma, tra i suoi ex parrocchiani e figli spirituali, sono nate quelle diverse vocazioni per le quali Andrea pregava sempre il Signore: padri di famiglia che hanno deciso di diventare diaconi permanenti, un ragazzo che ha scelto il sacerdozio dopo averlo conosciuto...


A don Andrea era molto cara l’immagine della finestra. Lui stesso diceva di voler «essere una finestra». Perché?
Nel 1981, quando fu inviato a “costruire” la parrocchia nell’allora nuovo quartiere diVerderocca fece realizzare tre porte- finestre con grandi vetrate che danno sulla strada: «Da fuori devono avere la possibilità di guardare dentro e viceversa ». Lo stesso ragionamento faceva per l’Occidente e il Medio Oriente. Era profetico.


Oggi, invece, sono tempi di paura, di chiusura...Verso don Andrea c’erano ostilità di natura politica?
Lui di politica non ne ha mai fatta. Da pastore curava i più vicini alla fede, ma andava sempre verso le «periferie», come dice il Papa oggi, cioè verso gli ultimi. E si sa che gli ultimi possono essere scomodi.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza