Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Pirati informatici
Attacco a Yahoo, rubati milioni di dati
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​(Lapresse)

Attacco hacker al gigante del web Yahoo. I dati di almeno 500 milioni di utenti Yahoo sono stati rubati nel 2014. Lo afferma la stessa società, sottolineando che le informazioni rubate con il cyberattacco includono nomi, indirizzi email, numeri di telefono, data di nascita e password. "Stiamo lavorando con le autorità", ha precisato un portavoce. Yahoo ha confermato in serata che un imponente cyberattacco che ha esposto le informazioni di alcune centinaia di milioni di persone. La notizia era stata riportata da Recode citando alcune fonti che si sono dimostrate attendibili. L'annuncio ufficiale del gigante colpito era dato in arrivo nei prossimi giorni, ma si è preferito anticipare i tempi.

Intanto Yahoo ha registrato un contraccolpo in Borsa. I titoli nelle contrattazioni che precedono l'avvio degli scambi avevano perso l'1%.

La conferma dell'attacco hacker da parte di Yahoo rischia però ora di creare problemi alla vendita della società a Verizon. L'acquisizione deve essere ancora approvata dalle autorità di regolamentazione e dagli azionisti di Yahoo.

La notizia di un attacco a Yahoo sarebbe trapelato per la prima volta nei mesi scorsi quando l'hacker chiamato Peace avrebbe annunciato la vendita dei dati di 200 milioni di utenti yahoo per 1.800 dollari. I dati includono il nome degli utenti, le password e le informazioni personali come la data di nascita e altri indirizzi email. Yahoo allora aveva detto che avrebbe indagato.

Ma Yahoo non ha mai chiesto agli utenti di cambiare la password. Da qualche tempo invece informa agli utenti di disabilitare le app "non Yahoo" che usano modalità di accesso meno sicure e rendono l'account più vulnerabile. L'utente può accettare oppure cliccare sulla scritta che suona coma "No, ma capisco il pericolo che corro".

La conferma dell'attacco hacker sarebbe un nuovo colpo per l'amministratore delegato Marissa Mayer, che non è riuscita a rilanciare Yahoo.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza