Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Video intervista
Gioco d'azzardo. Il testimone: «Vera schiavitù»
Pino Ciociola
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

​​​​
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​

Un baratro: "Diventa una dipendenza che mina la tua esistenza quotidiana". E poi si affonda: "C'è la caduta libera…". Giuseppe fino a un paio di anni fa è stato schiavo del gioco: "Scommesse sportive". Vinse la prima scommessa forte, tremila euro su una partita di calcio, e credette di "poter incrementare i miei guadagni di volta in volta".
8UfHnJ6gnAQ;430;242

Ma non andò così: "Nel momento in cui entri nella fase compulsiva, uscire dal gioco è praticamente impossibile. E vivi solo per quello, giocare è il tuo primo pensiero quando ti svegli al mattino e l'ultimo prima di addomentarti la sera".

Due anni fa è entrato in comunità, quella della Fondazione Exodus a Cassino. Si è salvato. "Noi non siamo medici o insegnanti, ma cerchiamo di essere fratelli maggiori", spiega Luigi Maccaro il responsabile.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza