Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Il premio
Lampedusa, premio per la pace al sindaco
 
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

​​
2016-premio-candida-300x125.gif
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​
​È andato al sindaco di Lampedusa, Giusi Nicolini il Premio della pace 2015 promosso dal movimento civico Die Anstifter di Stoccarda e arrivato quest'anno alla tredicesima edizione. A ritirare il premio, al Theaterhaus della città tedesca, al posto del sindaco impegnato sull'isola, si è recato Costantino Baratta, uno dei soccorritori dell'alba del 3 ottobre 2013 quando persero la vita 366 persone, per lo più eritree. "Non bisogna mai smettere di lottare -— ha detto Baratta, citando Nicolini, secondo quanto riporta l'Osservatore romano— - per spiegare che le migrazioni non sono la causa della crisi dell'occidente. Semmai sono le nostre politiche di rapina e di sfruttamento ad avere aggravato le condizioni di povertà e disagio che mettono in fuga le persone dall'Africa".

Il premio comprende anche una somma, cinquemila euro, che il sindaco ha deciso di devolvere ai servizi sociali di Lampedusa e Linosa. Lampedusa, in quanto simbolo di un'umanità che continua ad accogliere, è stata celebrata da Papa Francesco nello stesso giorno del premio, durante il collegamento con Assisi dove, ai piedi dell'albero di Natale, è stata adagiata una barca di sette metri: quella su cui hanno viaggiato nel marzo del 2014 nove tunisini approdati a Lampedusa. All'interno di questa imbarcazione è stata installata una Natività, "per ricordare a tutti - conclude l'Osservatore Romano - che se la sacra famiglia arrivasse oggi, probabilmente arriverebbe via mare. E Maria, forse, partorirebbe non in una capanna, ma tra le onde. Come effettivamente hanno fatto tante donne fino a oggi".
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza