Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Emergenza abitazione
Milano, 23mila famiglie in attesa di una casa
Tino Redaelli
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

​​
2016-premio-candida-300x125.gif
Liste d’attesa chilometriche, case assegnate con il contagocce, alloggi sfitti, occupazioni abusive, sfratti esecutivi, ma anche buchi di bilancio e piani di dismissione.

Più che un’emergenza, il problema degli alloggi popolari a Milano è ormai diventato un vero e proprio bollettino di guerra. Non c’è settimana, infatti, che inquilini e sindacati non puntino il dito e addirittura decidano di scendere in piazza per protestare contro le istituzioni (Regione, Comune e Aler) chiamate ad occuparsi dell’edilizia residenziale pubblica in città.

Ad oggi sono ancora circa 23mila le famiglie in graduatoria che attendono l’assegnazione di uno dei 70mila alloggi popolari di Milano (30mila di proprietà del Comune e dati in gestione a MM e 40mila in affidamento diretto ad Aler).

Attesa che, per la maggior parte dei casi, è destinata a perdurare nel tempo, visto che ogni anno si riescono a consegnare in media circa un migliaio di case, e a portare sempre più persone che vivono in alloggi privati alla morosità e di conseguenza allo sfratto (attualmente sono 14mila) o addirittura all’occupazione abusiva (sarebbero 5mila gli appartamenti popolari occupati). Questo nonostante in città ci siano circa 70mila case sfitte, 10mila delle quali di proprietà di Comune di Milano o Aler.

A pesare in modo gravoso sulla problematica situazione degli alloggi pubblici nel capoluogo lombardo è anche il dissesto economico dell’Aler, alle prese con un buco di bilancio da 400 milioni di euro a livello milanese, e di 900 milioni a livello regionale. Una voragine che di recente ha costretto l’azienda - presieduta dall’ex prefetto Gian Valerio Lombardi - a mettere in vendita 10mila alloggi in caseggiati misti tra Milano e hinterland, che una volta dismessi porterebbero nelle casse di Aler circa 450 milioni di euro.

Un piano vendite, quello dell’ente regionale, fin da subito contestato dai sindacati degli inquilini, preoccupati soprattutto del destino degli assegnatari che non potranno permettersi di acquistare l’appartamento in cui vivono.

E a "caricare" sulla situazione, sempre ieri, ci ha pensato anche il presidente della commissione Sicurezza a Palazzo Marino, Gabriele Ghezzi, che chiede al prefetto Alessandro Marangoni un "commissariamento" dell’Amministrazione negli interventi per la sicurezza. La richiesta è stata annunciata da Ghezzi assieme ai rappresentanti di alcuni comitati cittadini, in particolare dei quartieri popolari. Per Ghezzi, che recentemente ha lasciato il gruppo del Pd, sul tema della sicurezza «con questa Amministrazione c’è qualcosa che non funziona nel riconoscimento dei diritti di cittadinanza di tutti, che si deve basare sul rispetto delle regole e sulle risposte a fenomeni di illegalità».
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza