Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Dal 2011 a oggi
La campagna di Avvenire: a Lampedusa il premio Nobel per la pace
 
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​Lampedusa: un momento della commemorazione a un anno dalla tragedia 3 ottobre 2013

​​​​
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​

La lettera firmata da una lettrice veneziana che proponeva la candidatura di Lampedusa al premio Nobel per la pace il 30 marzo 2011. E la risposta del direttore di Avvenire Marco Tarquinio che accoglie e rilancia la proposta, definendo il premio Nobel per Lampedusa un «Nobel comunitario, eloquente, emblematico e altamente educativo».



Caro direttore,
non ho parole per esprimere il mio dispiacere per quello che succede a Lampedusa. Io sono a Venezia e guardo dalla finestra le migliaia di turisti che sbarcano dai vaporetti e penso a quanto sono fortunati, in mezzo ai miei concittadini che invece si sentono «logorati, scocciati e invasi» dai cosiddetti turisti pendolari. Infastiditi da queste "invasioni", sembrano lamentarsi con le parole di Arnaldo Fusinato: «... ed io sul tacito veron seduto, in solitaria malinconia ti guardo e lagrimo, Venezia mia!».

Mi chiedo che cosa sia la "sopportazione" dei veneziani nei confronti di questi "pendolari" (che pure portano qualcosa nelle casse di una città che "vive" esclusivamente di turismo) rispetto a quella dei lampedusani verso chi vi sbarca per salvarsi da regimi sanguinari o per fuggire dalla fame e dalla miseria in cerca di un avvenire. Il "turismo" che approda a Lampedusa è ovviamente di tutt'altro genere e si può immaginare che la sopportazione degli isolani sia ben più dura e pesante e bisogna dire che finora è stata più che composta e ammirevole. Oltre tutto, da questi "turisti per caso" gli abitanti dell'isola non ricevono assolutamente nulla, anzi...

Tanto di cappello, dunque, a quei lampedusani che hanno dimostrato un eccezionale spirito di accoglienza, accettando e aiutando come possono le migliaia di migranti che girano tra le loro case... messi allo sbaraglio da "un sistema" che langue e latita. Vorrei proporli per il Nobel per la Pace.
Come si fa a candidarli? Cordiali saluti. M.M., Venezia



La risposta del direttore di Avvenire, Marco Tarquinio
Sono totalmente d'accordo con lei, e proprio per questo non condivido (ma rispetto) la richiesta che mi fa di non firmare per esteso la sua lettera...
I fatti di questi giorni sono la continuazione di una storia di accoglienza faticosa, complicata, un po' contraddittoria e umanamente generosa come tutte le storie vere – che si sta scrivendo da anni sulle coste, sui moli e tra le case di Lampedusa. Quello ai cittadini dell'isola sarebbe, perciò, certamente un Premio Nobel per la Pace giustificato. Un Nobel «comunitario», eloquente, emblematico e altamente educativo. Anche nei confronti di quegli esponenti politici di casa nostra che si mostrano incapaci di capire che cosa sta accadendo sulle rive meridionali del Mediterraneo e, in qualche caso, fanno mostra di una straordinaria e urtante insensibilità. Anche ieri, purtroppo, ne abbiamo avuto l'esempio... Peccato per loro e per il nostro Paese, nel quale certe uscite vernacolari e volgarotte sul tipo di quella che s'è inventato ieri Umberto Bossi eccitano i sentimenti e le reazioni più superficiali, impaurite e inconsulte.
Meglio prendere esempio dalla gente semplice. Come le mamme e i papà che a Lampedusa si sono dati gioiosamente da fare per il neonato etiope Yeabsera (leggere il "dulcis in fundo" pubblicato qui sotto farà bene a tanti). Se questa volta il Premio Nobel per la Pace andasse a gente così, sarebbe davvero giusto e bello.
E, soprattutto, quest'anno nessuno avrebbe il dubbio di averlo assegnato con un po' troppa precipitazione al famoso o potente di turno. Ricambio di cuore il suo saluto.                     
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza