Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Istruzione
Gender e ruolo dell’Unar. «Fare chiarezza»
Paolo Ferrario
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print

 «A questo punto il governo deve decidersi a interveni­re, chiarendo, una volta per tutte, ruolo e funzioni dell’Unar». È netta la presa di posizione del sottose­gretario all’Istruzione, Gabriele Toccafondi, anche alla luce del­l’ultimo “caso” scoppiato a Modena: al Liceo classico Muratori e­ra in programma un’assemblea degli studenti (poi posticipata e rivista nel modulo) con il transessuale Luxuria. Non passa gior­no, però, senza che le cronache locali segnalino iniziative nelle scuole che, con l’obiettivo di sensibilizzare i ragazzi alla non di­scriminazione razziale, in realtà sono fortemente caratterizzate dai temi gender ed Lgbt (lesbiche, gay, bisessuali e transessuali).
 
La cornice istituzionale di riferimento è la Strategia nazionale per la prevenzione e il contrasto del­le discriminazioni basate sull’o­rientamento sessuale e sull’i­dentità di genere, adottata per decreto lo scorso 16 aprile, men­tre la regia operativa è affidata all’Ufficio nazionale anti-discri­minazioni razziali della Presi­denza del Consiglio. Costituito nel luglio del 2003, l’Unar sembra aver spostato il raggio d’azione verso le problematiche dell’omosessualità e del­l’ideologia del gender. Soltanto nel 2013, ha acquistato servizi e pagato consulenze per 250mila euro a realtà legate alle comunità Lgbt.

Anche gli ormai “famosi” opuscoli dell’Istituto Beck “Edu­care alla diversità a scuola”, sono costati 24.200 euro e sono stati diffusi, via Internet, in 40 esemplari, per una spesa di 605 euro ad accesso. L’ultimo “prodotto” targato Unar e destinato alle scuole per la Settimana d’azione contro il razzismo, in corso fino a do­menica, è la sitcom “Vicini”, ambientata in un condominio, dove sono bandite le famiglie con bambini ma non le coppie gay. «Posto che la lotta alla discriminazione, di qualsiasi tipo, è sacro­santa – aggiunge il sottosegretario Toccafondi – non credo possa però essere confusa con iniziative che con essa hanno poco o nul­la a che vedere e che, invece, mi pare siano un tentativo di indot­trinare i nostri ragazzi rispetto all’ideologia del gender e alle “nuo­ve forme di famiglia”. E, fatto ancora più grave, senza coinvolge­re le rappresentanze dei genitori all’interno della scuola». Anzi, come recentemente denunciato proprio ad Avvenire da Ro­berto Gontero, coordinatore del Forum delle associazioni dei ge­nitori della scuola (Fonags), le famiglie non sono state minima­mente prese in considerazione. «Tutto questo è inaccettabile – pro­segue Toccafondi – perché i genitori, anche per la nostra Costitu­zione, hanno il diritto-dovere di educare i propri figli. E devono sapere che cosa entra nelle loro classi».
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza