Passa a livello superiore
Accesso
Cronaca
Palermo
Niente cresima in cattedrale per il figlio del boss
Alessandra Turrisi
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​La cattedrale di Palermo.

​​
2016-premio-candida-300x125.gif
Il figlio di uno dei boss Graviano non può ricevere la cresima in Cattedrale a Palermo. Lui, ancora studente liceale, non ha colpa di appartenere a una stirpe di mafiosi, ma il cardinale Paolo Romeo, arcivescovo di Palermo, ha preferito evitare che il ragazzo ricevesse l’importante sacramento dell’iniziazione cristiana assieme ai suoi compagni nella principale chiesa della città, proprio dove riposano le spoglie mortati del parroco di Brancaccio ucciso per mano mafiosa e adesso beato. 

Una scelta che è trapelata ieri nei corridoi del Centro educativo ignaziano di Palermo, lo storico istituto gestito dai padri gesuiti, dove i figli di Giuseppe e Filippo Graviano, entrambi condannati all’ergastolo, frequentano la scuola superiore. Annualmente l’istituto organizza corsi di preparazione alla cresima per i suoi ragazzi, che poi ricevono il sacramento in Cattedrale. Una festa collettiva a cui questo ragazzo non parteciperà. Il cardinale Romeo non ha negato la cresima in assoluto, ha solo chiesto che il giovane la ricevesse in forma 'privata', in una cappella, non in maniera solenne e in pubblico.

Il pericolo che questa presenza 'ingombrante' fosse strumentalizzata c’era tutto. «Le colpe dei padri non possono ricadere sui figli, non sarebbe giusto – afferma monsignor Carmelo Cuttitta, vescovo ausiliare di Palermo, interpellato ieri a tarda sera –. Ci auguriamo che questo ragazzo faccia un percorso diverso da quello del padre, che cresca bene e abbia una vita giusta. Ma non è sembrato opportuno celebrare la cresima proprio nella stessa chiesa in cui è sepolto padre Puglisi». 

Il sacerdote ucciso il 15 settembre 1993 con un colpo di pistola dal killer Salvatore Grigoli, reo confesso, era parroco proprio del quartiere controllato dai boss Graviano. Furono loro a ordinarne l’eliminazione. Una morte 'in odium fidei', come è stato decretato dalla Congregazione per le cause dei santi, che ha dichiarato Puglisi martire. Il corpo del beato riposa in un sarcofago a forma di spiga in una cappella laterale della cattedrale. A pochi passi dal luogo in cui decine di giovani questa mattina riceveranno lo Spirito Santo. 

Una conferma della rigorosa posizione della Chiesa nei confronti delle organizzazioni mafiose, strutture antievangeliche, e chi ne fa parte si pone automaticamente fuori dalla Chiesa. Da qui la prassi consolidata in Sicilia di negare i funerali ai mafiosi. Numerosi i casi negli ultimi anni. La vera svolta della Chiesa avvenne all’indomani delle celebri parole di Papa Wojtyla il 9 maggio 1993 ad Agrigento, che invocò la conversione dei mafiosi, e subito dopo l’omicidio di don Pino Puglisi.
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza