Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
Nel Mediterraneo
Lampedusa, si aprono le Porte Sante
Ilaria Solaini
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​Il Papa, accompagnato dal cardinale Montenegro, nella visita del 2013 a Lampedusa

2016-premio-candida-300x125.gif

Il Giubileo straordinario della Misericordia verrà celebrato il 16 e il 17 gennaio nell'isola di Lampedusa, la porta d'Italia e d'Europa per migliaia di migranti e rifugiati.

Sabato 16, alle 16, il cardinale Francesco Montenegro, arcivescovo di Agrigento, presiederà la celebrazione dei Vespri e aprirà la Porta Santa nel Santuario della Madonna di Porto Salvo.

Domenica 17 gennaio, nella Giornata mondiale del migrante e del rifugiato, si terrà alle 9.30 alla “Porta d’Europa”, scelta dal cardinale Montenegro come luogo giubilare, una sosta di preghiera e di riflessione sul tema della Giornata “Migranti e rifugiati ci interpellano. La risposta del Vangelo della misericordia”.
PortadiLam_49100650.jpg

Alle 11 di domenica 17 gennaio, nella parrocchia San Gerlando, il cardinale Montenegro presiederà una celebrazione eucaristica e consegnerà il Crocifisso, dono di Papa Francesco, alla comunità di Lampedusa.
Si tratta del crocifisso, la cui Croce è formata da remi di barche, regalato dal presidente cubano Raúl Castro al Papa durante il suo viaggio apostolico a Cuba.


In un'intervista alla Radio Vaticana è il cardinale Montenegro a spiegare il significato dell'apertura di una Porta Santa sull'isola di Lampedusa, porta d'Europa per i migranti che fuggono dalla guerra.
«Vicino al Santuario ci sono delle grotte: in quelle grotte si radunavano cristiani e musulmani per pregare - ha spiegato il cardinale Montenegro -. È un luogo speciale, potremmo dire, dove gli uomini si sono incontrati e insieme hanno guardato il Cielo. Aprire la Porta di quel Santuario è desiderare che tutti ci sentiamo coinvolti in questa storia che apre il cuore a Dio e il cuore ai fratelli. Lampedusa ha un ruolo importante nella storia del mondo: l’ha avuto e ce l’ha. Ed è proprio attraverso quella Porta che noi ci apriamo, come il Signore ci chiede, verso gli altri, soprattutto verso quelli per cui bisogna usare più misericordia».

© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza