Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
Udienza generale
Il Papa: nel dolore non siamo soli
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​Carnevale: il mini-papa
che oggi ha incontrato Francesco

Nel momento del dolore e della malattia noi non siamo soli. Attorno a questo concetto Papa Francesco ha sviluppato l’udienza generale di questa mattina in Piazza San Pietro. Davanti a circa 50 mila persone, il Papa ha incentrato la sua catechesi sul Sacramento dell’unzione degli infermi, invitando a considerarla nella sua verità: come presenza di Gesù accanto al malato e non come un gesto tabù, da evitare per scaramanzia. In piazza ad ascoltarlo, nonostante le previsioni dessero pioggia, come lo stesso Pontefice ha ricordato, c'erano cinquantamila persone. Molti i bambini vestiti in maschera per il Carnevale. Il Pontefice ha baciato un bimbo di circa quattro anni, vestito da "piccolo papa", che gli è stato portato da un gendarme al suo ingresso in piazza San Pietro, per l'udienza generale. Il bimbo, biondo e esile, piangeva e strillava. Papa Francesco ha sorriso e lo ha fatto restituire ai genitori.

A proposito del sacramento dell'unzione degli infermi Papa Francesco ha detto che spesso si esita a chiamare il prete perché "c'è un pò l'idea che quando da un malato arriva il sacerdote, dopo di lui arrivano le pompe funebri, non è vero quello, il sacerdote arriva per aiutare l'anziano, per questo è importante la visita, chiamarlo, perché è Gesù che arriva per dargli speranza". Il Papa ha anche spiegato che il prete e le persone presenti quando viene amministrata l'unzione degli infermi, rappresentano la comunità e l'impegno di questa a sostenere il malato e il sofferente, a fargli sentire la "vicinanza di Cristo" nel momento in cui è debole.

L'unzione degli infermi, ha spiegato, è un pò il sacramento del buon samaritano, che lava le ferite con olio e vino. Il buon samaritano, ha commentato il Papa nell'udienza generale, "si prende cura dell'uomo sofferente versando sulle sue ferite olio e vino, l'olio ci fa pensare a quello che viene benedetto ogni anno dal vescovo nella messa crismale del giovedì santo, il vino invece è segno dell'amore e della grazia di Cristo" "che si esprimono nella grazia sacramentale della chiesa". "La persona sofferente - ha osservato papa Francesco ricordando la vicenda del buon samaritano - viene affidata a un albergatore, affinché possa prendersi cura di lui, senza badare a spese". "Chi è?" questa persona, ha chiesto, "siamo noi, a cui ogni giorno il Signore affida coloro che sono afflitti nel corpo e nello spirito, perché possiamo continuare a riversare su di loro amore". Nella lettera di Giacomo, ha ricordato il Pontefice, si esplicita "questo mandato". "La preghiera fatta con fede - ha aggiunto - salverà il malato, il Signore lo salverà e se ha commesso peccati gli saranno perdonati, si tratta di una prassi - ha detto a proposito della unzione degli infermi - che era in atto già ai tempi degli apostoli, per avere la stessa predilezione per i malati e i sofferenti che aveva Cristo".

"Non dobbiamo scadere nella ricerca ossessiva del miracolo e nella presunzione di ottenere sempre la guarigione, - ha aggiunto papa Francesco - ma è la sicurezza della vicinanza di Gesù al malato, anche all'anziano, perché ogni persona di più di 65 anni può ricevere questo sacramento". Nella unzione degli infermi, ha argomentato papa Bergoglio, "è Gesù che si avvicina: il sacerdote arriva per aiutare l'anziano, per questo è importante la visita, chiamarlo, che dia l'unzione, perché è Gesù che arriva per dargli speranza, aiutarlo, e anche perdonargli i peccati, e questo - ha osservato papa Francesco - è bellissimo. Non pensate che questo è un tabù, perché sempre è bello sapere che nel momento del dolore e della malattia noi non siamo soli". "Ma il conforto più grande - ha osservato il Pontefice - è lo stesso signore Gesù che ci prende per mano, ci carezza, e ci ricorda che ormai gli apparteniamo e nulla, neppure il male e la morte potrà mai separaci da lui". Papa Bergoglio ha concluso la catechesi esortando a "questa abitudine di chiamare il sacerdote, perché questi malati, non di influenza, - ha detto - non di tre, quattro giorni, i malati veri e gli anziani, perché venga e gli dia questa forza, facciamolo, grazie".
 
Prima dei saluti in italiano il Papa ha parlato della difficile situazione in Venezuale a auspicato che possa risolversi al più presto. "Seguo con particolare apprensione quanto sta avvenendo in questi giorni in Venezuela. Auspico vivamente che cessino quanto prima le violenze e le ostilità e che tutto il popolo venezuelano, a partire dai responsabili politici e istituzionali, si adoperi per favorire la riconciliazione attraverso il perdono reciproco e un dialogo sincero rispettoso della verità e della giustizia, capace di affrontare temi concreti per il bene comune. Mentre assicuro - ha aggiunto papa Bergoglio - la mia costante preghiera in particolare per quanti hanno perso la vita negli scontri e per le loro famiglie, invito tutti i credenti a levare suppliche a Dio con la materna intercessione di nostra signora di Coromoto, perché il Paese ritrovi prontamente pace e concordia".

© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza