Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
La celebrazione della Passione
«Vincere il male con il bene»
A Bruxelles come nel matrimonio...
 
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​Le foto di questo servizio sono dell'agenzia Imagomundi di Romano Siciliani

​​
2016-premio-candida-300x125.gif
Banner-Iniziativa-Avvenire-Carita-Papa-300x125-TERZO.GIF​​​
​"Non lasciarti vincere dal male, ma vinci il male con il bene". Questo suggerimento di San Paolo, che si è concretizzato nell'invito a rinunciare ad ogni sentimento di vendetta anche dopo attacchi gravissimi come quelli di Bruxelles, è risuonato oggi pomeriggio in San Pietro in occasione della celebrazione della Passione, presieduta da Papa Francesco che all'inzio, seguendo il rituale romano, si è prostrato in terra.

Il predicatore della Casa Pontificia, padre Raniero Cantalamessa, nella sua omelia lo ha applicato agli attentati di Bruxelles ma anche ai matrimoni in crisi. "L'odio e la ferocia degli attentati terroristici di questa settimana ci aiutano a capire - ha detto - la forza divina racchiusa in quelle ultime parole di Cristo: Padre, perdona loro perchè non sanno quello che fanno".
papa600_CG18838a_50470475.jpg
"Per quanto lontano possa spingersi l'odio degli uomini, l'amore di Dio - ha ricordato - è stato, e sarà, sempre più forte". "Anche nel matrimonio - ha osservato il religioso cappuccino - dopo anni, o mesi, di vita insieme, emergono i limiti reciproci, i problemi di salute, di finanze, dei figli; interviene la routine che spegne ogni gioia. E quello che può salvare un matrimonio dallo scivolare in una china senza risalita è la misericordia, intesa nel senso pregnante della Bibbia, e cioè non solo come perdono reciproco, ma come un rivestirsi di sentimenti di tenerezza, di bontà, di umiltà, di mansuetudine e di magnanimità".
papa600_CG18897a_50470520.jpg
Proprio la misericordia, ha affermato padre Cantalamessa, "fa sì che all'eros, si aggiunga l'agape, all'amore di ricerca, quello di donazione e di con-passione". E Se "Dio si impietosisce dell'uomo, non dovrebbero marito e moglie impietosirsi l'uno dell'altro? E non dovremmo, noi che viviamo in comunità, impietosirci gli uni degli altri, anzichè giudicarci?".
papa600_CG18862a_50470507.jpg


Secondo Cantalemessa, in concreto "dobbiamo demitizzare la vendetta!". "Essa - ha denunciato con forza - è diventata un mito pervasivo che contagia tutto e tutti, a cominciare dai bambini. Gran parte delle storie portate sullo schermo e dei giochi elettronici sono storie di vendetta, spacciate per vittoria dell'eroe buono". "Metà, se non più, della sofferenza che c'è nel mondo (quando non si tratta di mali
naturali) viene - ha detto padre Cantalamessa alla Curia Romana
e agli ambasciatori ammessi al rito della Passione - dal desiderio di vendetta, sia nei rapporti tra le persone che in quelli tra gli stati e i popoli. È stato detto che "il mondo sarà salvato dalla bellezza"; ma la bellezza può anche portare alla rovina".
_CG18964a (002).jpg
Padre Cantalamessa

"C'è una sola cosa - ha concluso il cappuccino - che può salvare davvero il mondo, la misericordia! La misericordia di Dio per gli uomini e degli uomini tra di loro. Essa può salvare, in particolare, la cosa più preziosa e più fragile che c'è, in questo momento, nel mondo, il matrimonio e la famiglia". Infatti, "avviene nel matrimonio qualcosa di simile a quello che è avvenuto nei rapporti tra Dio e l'umanità, che la Bibbia descrive, appunto, con l'immagine di uno sposalizio".
© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza