Passa a livello superiore
Accesso
Chiesa
Via Crucis
Colosseo, ecco chi porterà la Croce  
 
  • facebook
  • twitter
  • google +
  • segnala ad un amico
    mail
  • font
  • stampa quest'articolo
    print
​Una precedente edizione della Via Crucis al Colosseo

Al Colosseo ci sarà tutto il mondo per la Via Crucis.
La Croce della via Crucis presieduta da Papa Francesco verrà portata da uomini e donne provenienti dal Centrafrica, dalla Siria, dalla Cina, dalla Russia, dal Paraguai, dalla Bosnia.

Questo l'elenco, fornito dall'Ufficio delle celebrazioni liturgiche pontificie:

1° stazione: a portare la croce sarà il cardinale vicario di Roma, Agostino Vallini;

2° stazione: una famiglia numerosa: Andrea Postiglione e Francesca Martucci con i loro quattro figli.

3° stazione: alcuni rappresentanti e volontari dell'Unitalsi (Unione Nazionale Italiana Trasporto Ammalati a Lourdes e Santuari Internazionali) tra cui il disabile Francesco Rocco Arena, laureato in scienze politiche a Buenos Aires, laurea in teologia gregoriana di Roma, critico d'arte che ha ottenuto l'onorificienza dai Cavalieri di Malta. Al suo fianco i volontari Unitalsi, Luciana Matani. Lavora presso una propria struttura come sarta e creatrice di moda. Con loro anche Salvatore Bonaccorso, volontario e socio Unitalsi dal 2012 che lavora come benzinaio.

4° stazione: la famiglia di Paolo Budaci con la moglie e le figlie, Chiara e Francesca.

5° stazione: due allieve, il direttore e un insegnante dell'Afgp (Associazione Formazione Giovanni Piamarta) di Remedello (Bs).

6° stazione: una donna cinese, Yialaan Chin, e una russa, Varvara Slivkina.
 
7° stazione: una donna paraguaiana, Nives Masala, e un uomo bosniaco, Radoslav Dodig.

8° stazione: la Croce è portata da una famiglia ecuadoregna, Josè Silva e Monica Jaramillo con il figlio Giuseppe Carlo.

9° stazione: una donna dall'Uganda, Prisca Ojok Aunma, e un uomo keniota, Nicodemus Orioki Nyaega.

10° stazione: il messicano Ruben Guillen Soto e da Letitia Yando della Repubblica centrafricana.

11° stazione: John Sentovich, statunitense, e la boliviana Susana Mamami

12° stazione: da due siriani assistiti dalla comunità di Sant'Egidio, Haddad Rana e Yousef Saghir.

13° stazione: da alcuni frati custodi di Terrasanta

14° e ultima stazione: i Giovani per le torce Giuseppe Bonfatti e Anna Fils, di Roma.

© riproduzione riservata
segnala ad un amico stampa quest'articolo
Articoli in evidenza